Crossover part 2: Arrow.

La situazione è grave: Overgirl – Kara di Terra-X – e Oliver Queen – il Fuhrer – vogliono invadere Terra-1 e, cosa più grave, vogliono il cuore di Supergirl. Kara di Terra-X ha una malattia terminale, ha assorbito troppe radiazioni e l’unica cosa che può salvarla è avere un cuore nuovo. La nostra Kara è la “donatrice” perfetta.

Tra la ricerca del prisma rosso – in grado di indebolire Supergirl e di renderla più “umana” – e il tentativo di invasione, i nostri eroi non sanno più come contrastare il nemico.

Se la cosa più logica è <<Non combattere contro il proprio doppelgenger>> – cito così il Nabbo – beh, non è questa l’idea degli sceneggiatori. Green Arrow contro il Fuhrer, Overgirl contro Supergirl e Zoom contro Flash – che ovviamente non è il suo doppelgenger, ma il suo vero nemico.

L’azione e i combattimenti fanno da padrone, ma ci sono alcune parti di… romanticismo? Smielosità?

Sì, ebbene sì. L’unica coppia che però si meriterebbe di “piangersi un po’ addosso” sarebbe quella di Iris e Barry, ma non accade. Loro hanno la decenza di capire che l’invasione nazista ha SERIAMENTE la priorità.

Ah, e anche la vita di Kara.

Lo stesso non si può dire di Oliver e Felicity, per quanto io li adori.

Quando però Kara viene rapita e i team di Barry e Arrow vengono messi fuori gioco nelle prigioni per metaumani di Cisco Ramon.

Green Arrow, Flash, White Canary, Alex Danvers, Fireman vengono teletrasportati sul pianeta Terra-X in un campo di concentramento, gli viene attaccato una sorta di collare meccanico che blocca i loro poteri, e scoprono l’atroce verità: ci sono bambini, donne e uomini alla fame, con un simbolo diverso sul braccio a seconda del presunto reato. Quasi tutte le colpe, però, sono legate alla libertà di espressione e alla libertà di amare chi vuole.

Uno dei capi delle SS altro non è che il doppelganger di Larry Lance. Sara rimane sconvolta, mentre comincia a dirle che sua figlia – incarnazione perfetta della razza ariana – le assomigliava moltissimo ma lui ha dovuto… ucciderla a causa della sua bisessualità.

<<I like men and I like women>>

Così risponde Sara Lance, con fierezza. Ha amato Ollie e ha amato Nyssa con tutto il suo cuore e non rinnega niente. White Canary si dimostra sincera e limpida, più di quanto lo sia mai stata. Il Capitano delle SS prende il team e un altro ragazzo del Campo, colpevole di essere omosessuale, e li fa camminare per un po’ finché non li ferma e gli punta i fucili dei suoi sottoposti contro. Un fucile per uno. Senza distinzioni.

 

Alla prossima!

-Poison El

Poison El

[Proofreader e Editor. Digital Content Creator. Blogger. Artist. Traveller. Aspirant Writer.]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: