Avete mai pensato di poter rivedere i vostri cari scomparsi durante il Giorno dei Morti? Quanti di voi darebbero tutto per poter passare ancora un istante con qualcuno di importante? Questo accade in Cocofilm d’animazione candidato agli Oscar. Data l’imminente serata dedicata alle statuette dorate più prestigiose nel mondo del cinema mi è sembrato doveroso guardare un film che tutti ritengono bellissimo. Tranquilli, per chi non lo avesse ancora visto non ci sono spoiler che potrebbero pregiudicare una vostra eventuale visione!

Avvertenze!

La prima che posso dirvi è: preparatevi un vagone di fazzoletti! Il film infatti è molto toccante ed a tratti (a mio modesto parere) anche angosciante. Questi profondi momenti sono alternati ad altri a tratti esilaranti che danno al film un ritmo altalenante di gioia e tristezza.

Trama 

Il film racconta le peripezie di Miguel Rivera, un ragazzino nato e cresciuto a Santa Cecilia, la cui famiglia possiede un’azienda di scarpe e che lui dovrà portare avanti. In realtà l’aspirazione di Miguel è quella di poter divenire un musicista, come il grande Ernesto de la Cruz anche andando contro le salde tradizioni familiari.Questo poiché il suo trisavolo era un famoso musicista, che abbandonando la moglie e la figlia, ha fatto si che nessun suo discendente potesse più svolgere questa professione. L’unica in famiglia con cui Miguel si trova d’accordo e che condivide la sua passione è la bisnonna, Coco. La vicenda è raccontata nel Dia de Muertos, festa sacra messicana in cui attraverso l’ofrenda, altare nel quale vengono poste le foto degli avi, si tiene vivo il proprio il ricordo di chi ormai non è più in questa vita. Proprio durante questo giorno, Miguel rinnegherà la famiglia e questa festa così sacra, finendo per rubare una chitarra appartenuta ad una figura della musica messicana molto importante, ma….

La maggior parte del film verrà svolta nel regno dei morti, dove…. Non posso dirvi di più, altrimenti che gusto ci sarebbe a guardarlo?

La canzone Ricordami, emblematica del film stesso, durante i titoli di coda è interpretata da Michele Bravi, in una versione dolce e allo stesso tempo accattivante.

Lo consiglio a tutti, grandi e piccini, ma lo sconsiglio a chi è emotivamente volubile, in quanto potrebbe creare pianti, singhiozzi e instabilità emotiva!

Spero che Coco abbia potuto toccarvi l’anima come ha fatto già con milioni di persone. Un saluto a tutti i nostri fan e lettori, Shadow!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: