5 motivi per rewatchare Glee!

5 motivi per rewatchare Glee!

Luglio 14, 2018 0 Di Eleven's Eggo

Credo di poter affermare che la maggior parte delle persone abbia sentito parlare, almeno una volta, di Glee . Naturalmente, se non siete amanti dei musical, non fa per voi, ma se sentir cantare non vi dà fastidio, allora è proprio una serie che vi consiglio. Vediamo perché!

  1. Le tematiche

Glee è una serie che tratta di adolescenti alle prese con la scuola superiore, ma non solo. Quello che ho amato guardandola, oltre le canzoni, è la profondità dei temi trattati, che vengono affrontati consapevolmente e in modo adeguato per il target a cui essa si rivolge. Fin da subito notiamo il bullismo, un argomento sempre più trattato all’interno delle serie TV (come per esempio in Thirteen Reasons Why), fenomeno che implica la presenza di bulli (i ragazzi popolari) e di bullizzati (nel nostro caso i “Losers” che fanno parte del Glee Club). Un altro tema qui ampiamente trattato è quello dell’omosessualità, oserei dire affrontato a 360 gradi.

Glee

I personaggi che fanno parte della comunità LGBTQ+ sono molti e viene affrontata la questione della scoperta della propria sessualità, non solo da parte degli adolescenti, ma anche dagli adulti, come il Coach Beiste, che accetta la propria disforia di genere e decide di cambiare sesso. Oltre a questi, molto importanti sono anche quello della violenza domestica e della violenza sulle donne, che nella serie coincidono; l’importanza dell’educazione sessuale durante l’adolescenza;  i temi riguardanti l’anoressia, la bulimia e tutte le difficoltà che attraversano le adolescenti, che si ritrovano sempre messe a confronto con modelli di bellezza imposti dalla società ben poco raggiungibili; l’utilizzo dei cellulari mentre si guida e, in generale, l’importanza di mantenere una guida prudente; infine, ma non meno importante, il tema che sta tanto facendo discutere l’America negli ultimi anni: il possesso di armi da fuoco e la brutalità dei mass shooting, le sparatorie in luoghi pubblici e nelle scuole.

  1. Le canzoni

Tantissime sono le cover e i mashup che ci vengono proposti nelle puntate, alcune sono fisse nella mia playlist. Ce n’è davvero per tutti i gusti: dal rock al pop, dall’rnb fino ad arrivare al kpop. Insomma, diventa quasi impossibile vedere una puntata e non cantarne almeno una! Degne di nota sono anche le canzoni originali di Glee, prima tra tutte Loser Like Me, che rappresenta alla perfezione i sentimenti di inadeguatezza che affliggono gli adolescenti, accompagnati però dalla speranza e dalla voglia di farcela in questo mondo che sembra essere sempre pronto a distruggere i nostri sogni.

  1. Gli attori sanno veramente cantare

Lea Michele (aka Rachel Berry, la protagonista della serie) potrà anche starvi antipatica, ma se c’è una cosa che sa fare, beh, è proprio cantare. Naturalmente non è l’unica nel cast a deliziarci con la sua bella voce. Darren Criss (Blaine), Chris Colfer (Kurt), Amber Riley (Mercedes), Matthew Morrison (il Professor Schuester) e la lista sarebbe veramente troppo lunga. E se già qui non vi ho convinti, andiamo avanti!

  1. I personaggi

Un’altra cosa che ho amato molto di questa serie è la caratterizzazione dei vari personaggi. Siamo coinvolti nella loro crescita personale, li vediamo sbagliare e passare da adolescenti a giovani adulti, e non solo. Anche i personaggi già adulti, come i professori o i genitori dei ragazzi, sono in grado di regalarci forti emozioni. Prendiamo ad esempio Sue Sylvester, personaggio della serie noto per essere l’antagonista per eccellenza del Glee Club. Io, in primis, mi sono spesso trovata a non sopportarla, ma mentirei se dicessi che non mi ha mai fatta commuovere. È cinica, antipatica, irriverente, ma ha anche lei le sue ferite, che ci mostra pian piano. Uno dei miei personaggi preferiti, invece, è Rachel, la protagonista. So che suscita antipatia in molti spettatori, ma mi sono sempre rivista in lei, per le sue passioni e la sua tenacia nel voler realizzare i propri sogni. E non parliamo di alcune delle storie d’amore che si sviluppano nella serie! Alcune sono veramente iconiche, come Kurt e Blaine, il professor Schuester ed Emma, Santana e Brittany, e, infine, Finn e Rachel (a cui dedico un cuore e tantissime lacrime ❤).

  1. Le guest stars

I volti famosi sono veramente tantissimi e tutti ci deliziano con qualche bella canzone. Da Gwyneth Paltrow, che interpreta una bellissima e giovanissima supplente (diciamocelo, la vorremmo un po’ tutti un’insegnante così) a Idina Menzel, nei panni della madre biologica di Rachel, senza dimenticarci di Olivia Newton John e Britney Spears (nei panni di loro stesse), Sarah Jessica Parker, Demi Lovato, Charice Pempengco, Lindsay Lohan, Gloria Estefan e tante altre!

Allora ditemi amici miei, vi sono bastati questi 5 motivi per fare un bel rewatch Glee? Io al Glee Club mi unirei subito!

Venite a trovarci su Facebook!

– Eleven’s Eggo