Gustav Lafav: un Libro Tutto da Ridere!

Gustav Lafav: un Libro Tutto da Ridere!

Settembre 3, 2018 0 Di Shadow

Bentrovati a tutti i nostri carissimi/e lettori/lettrici! Oggi non sono qui per propinarvi il solito articolo su serie TV, #SabatoRetrò o simili, ma per portarvi la recensione di uno dei libri che considero il più demenziale uscito fino ad adesso: sto parlando di Gustav Lafav – Uno Studente Dimenticato!

Edito da Nativi Digitali Edizioni, pubblicato la prima volta nel settembre 2015 solo in formato digitale, è scritto dai ragazzi che gestiscono la pagina Facebook L’Umorismo di Piton, canzonatura di Harry Potter e la Pietra Filosofale.

In breve la trama:

“Paura e delirio a LasHogwarts: a destabilizzare una scuola di magia già problematica, tra i nuovi studenti di quest’anno ci sono dei tipi fuori dal comune: l’aspirante rapper Jerry Porker, il goffo Ronaldo Whiskey, la precisina Ermagone, l’iracondo e razzista Draco Adolfoy e, soprattutto, lo psicopatico assetato di sangue Nevillo Paciockone e Gustav Lafav, bulletto di origine messicane che non si sa bene cosa ci faccia là. Tra i bizzarri discorsi dell’eccentrico Preside Stilente, l’esibizionismo di Swagrid, i freestyle nelle lezione di Difesa dalle Rime Oscure del Professor Rap-Thor e le battute aghiaccianti dell’enigmatico Professor Pitone, i giovani maghi si addentreranno nella fitta rete di misteri di LasHogwarts, tra una sbronza colossale, uno sparatoria con armi pesanti e un giro di spaccio di metanfetamina blu pura al 100%. Chi poteva pensare a una parodia demenziale di “Harry Potter e la Pietra Filosofale” se non Rinald Sefa e Luca Gariboldi, gli amministratori della famigerata pagina Facebook “L’Umorismo di Piton”? Se avete amato Harry Potter e le parolacce non vi danno fastidio, “Gustav Lafav – Uno studente dimenticato” è il libro che fa per voi.” 

Conoscendo la pagina FB, sapevo a cosa sarei andato incontro. Mi sbagliavo: se avevo delle convinzioni, sono andate tutte a farsi benedire non appena ho iniziato a leggere le prime righe. Il libro risulta molto scorrevole, adatto ad un pubblico difficilmente suscettibile di fronte a moltissime parolacce, nonché sessismo, omicidi brutali e gore. Il libro è adatto maggiormente per tutti coloro che frequentano – o hanno frequentato – l’Umorismo di Piton, in quanto una persona comune non riuscirebbe a cogliere le mille sfaccettature che sono state date ai diversi personaggi, stravolgendoli completamente rispetto agli originali – ed in parte mettendo in secondo piano alcuni di quelli principali, come Hermione Granger/Ermagone. 

Se ben ricordate negli articoli che redigo, alla fine consiglio sempre a tutti i lettori di dare un’occhiata all’oggetto del giorno – che esso sia un manga, una serie TV oppure un cartone animato, ma questa volta non me la sento. O meglio: non me la sento di consigliarlo a tutti, ma solamente ai coraggiosi che vorranno passare una buona mezz’ora – ebbene pur essendo 150 pagine, questo è il tempo impiegato da me per finirlo – a farsi due risate senza preoccuparsi della propria morale. 

Dato questo spero di trovarvi prossimamente, sempre alla stessa ora, sempre qui. Il vostro Shadow!