Bentornati a tutti! Oggi vi porterò nel fantastico mondo di Due Fantagenitori, serie animata ideata da Butch Hartman. Iniziato a lavorarci nella seconda metà degli anni 90, inizialmente era prevista per Cartoon Network. Quando però Hartman terminò il progetto, era già passato a Nickelodeon.

Questi realizzò un cortometraggio di sette minuti, da titolo I Padrini Fatati (The Fairy Godparents), trasmesso durante lo show serale Oh Yeah! Cartoons del 1998. Dopo la realizzazione di altri 10 cortometraggi, Nickelodeon ordinò una stagione di sette puntate (formate da 11 episodi l’una), mandate in onda successivamente nel 2001.

Lo show ebbe un successo inaspettato: nel primo anno di trasmissione 2,4 milioni di telespettatori  vennero attirati da questa nuova ed innovativa serie, solo 100.000 in meno rispetto a Spongebob (serie cardine della emittente televisiva). Fra il 2002 ed il 2003 si ebbe il picco dello show, venendo definito dai molti “I Simpson per tutte le età”. 

Sfortunatamente nel 2006, Hartman sul proprio forum, annunciò che la conclusione dello show sarebbe avvenuta con la 5ª stagione; pochi mesi dopo, ravvedutosi, annunciò la prosecuzione della serie fino al 2011. Nel 2012 la nona e la decima stagione vennero annunciate, con quest’ultima realmente quella finale. Durante il febbraio di quest’anno Butch ha annunciato di aver lasciato Nickelodeon: di conseguenza un possibile ritorno della serie per ora non sarebbe possibile.  

La serie è possibile definirla satirica, rivolta specialmente verso il piccolo mondo borghese americano. Qui la realtà è tanto inutile che la si può e la si deve manipolare grazie a due fantagenitori, custodi dei piccoli più sfortunati della Terra.

Trama 

Protagonista è il giovane Timmy Turner, 10 anni, che vive a Dimmsdale, in America. Viene trascurato da tutti, cronicamente deriso a scuola e dimenticato dai suoi genitori che non trovano mai il tempo di stare con lui. Penserete: cosa può capitare di male oltre a tutto ciò? In assenza dei genitori, il piccolo è affidato alla perfida, manipolatrice, diabolica e schizoide babysitter Vicky! In soccorso alla sua infelicità arrivano due fantagenitori, Cosmo e Wanda, contraddistinti per il particolare colore di capelli rispettivamente verde e rosa. A questi esseri fatati, provenienti dal Fantamondo, è affidato un compito importantissimo: esaudire qualsiasi desideri del bambino, i quali non possono contravvenire alle rigide regole loro imposte. Nulla ovviamente va come previsto: tra deliranti desideri esauditi dai due, si consumano drammi di ogni genere, che a volte sfociano nella quasi distruzione della città. Inoltre la loro esistenza deve rimanere segreta, oppure perderà Cosmo e Wanda. Gli episodi sono un susseguirsi di vicende, pressoché identiche: si vede il protagonista alle prese con un problema quotidiano, al seguito del quale verrà espresso un desiderio. Questo si ritorcerà contro di lui o altre persone, pertanto lo annullerà alla fine della puntata ottenendo importanti lezioni di vita. 

Personaggi de Due Fantagenitori

Avremo a che fare con Vicky, Trixie Tang (una ragazza popolare che piace a Timmy), gli amici e i parenti vari (i quali hanno sempre rapporti con altri umani o creature magiche). Inoltre il trio dovrà vedersela con Denzel Crocker, insegnante pazzo, il quale crede nell’esistenza dei Fantagenitori e prova costantemente a catturarli o rivelarli al mondo. Con il passare della serie si inseriranno dei nuovi personaggi, come Poof (figlio di Cosmo e Wanda) e Sparky (suo fantacane). Non solo: sarà presente anche Chloe Carmichael, nuova vicina di casa di Timmy con il quale dovrà condividere i fantagenitori durante la decima stagione.

Due-Fantagenitori-Personaggi

poof-due-fantagenitori

Una serie che prende di mira il degrado dei rapporti umani nella società contemporanea, dove famiglia e scuola la fanno da padrona. Rispetto a I Simpson o a South Park, viene utilizzato un linguaggio destinato ad un pubblico molto giovane, ma non per questo meno graffiante.

Duefantagenitori2

La grafica è ben fatta: i colori pastello vivaci, i ritmi velocissimi e frenetici, uniti ai personaggi esuberanti creano un piacevole prodotto scorretto. Alla fine è sempre la realtà a prevalere: “dobbiamo sempre prendere la parte migliore in quello che ci capita”.

Bene siamo giunti alla fine. Lo avete seguito anche voi? A che stagione siete arrivati? Un saluto, Shadow!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: