Buongiorno a tutti! Qui è il vostro Shadow pronto per deliziarvi con una nuovissima recensione a tema manga! Quest’oggi ve ne porto uno abbastanza strano: quanti i voi sono fan del genere fantasy? Chi di voi è un accanito videogiocatore? Abbiamo qualche amante di Dragon Quest?

L’autore è tale Fuse, del quale poco si sa, senonché è colui il il quale ha ideato in prima battuta le light novel, dalle quali successivamente ha tratto l’irriverente manga del quale mi appresterò a presentarvi la trama. 

I disegni sono a cura di Taiki Kawakami, mentre l’editore è Kōdansha, il quale nel paese del Sol Levante ha già pubblicato ben 10 tonkōbon. In Italia a oggi sono usciti solamente 6 volumi, sotto la stella di Star Comics, avendo come data di inizio pubblicazione l’11 aprile 2018. 

Siete pronti per il titolo? No? Beh, io lo dico ugualmente: ecco a voi Vita da Slime! Con questo meraviglioso manga si riesce ad unire e rielaborare in maniera nuova e attuale gli aspetti sopracitati, originando una storia avventurosa, che segue lo stile degli GDR che tutta la comunità nerd ama alla follia; al contempo stesso è divertente e spassosa, regalando quel genere di lettura che riesce a lasciarti in due dalle risate!

articolo-69841.jpg

Il merito va a Satoru Mikami, trentenne irrealizzato (ma cosa più importante di tutte, vergine), insoddisfatto della sua vita e dei suoi insuccessi. Dopo una vita praticamente piatta e noiosa all’inverosimile, Satoru decide di dimostrare improvvisamente il suo coraggio, arrivando a sacrificarsi per un suo kohai (letteralmente sarebbe “compagno più giovane”), subendo una coltellata che mette fine alla sua vita…. ma non alla sua esistenza: difatti il protagonista si risveglia in un altro mondo, all’interno di un corpo che certamente non è suo; un corpo gelatinoso e privo di arti, appartenente soltanto ad una specie: gli slime! Quegli esserini azzurri che tanto abbiamo visto in saghe come Dragon Quest, alla vista dei quali uno non può che domandarsi Come faccio a non amarli?

ColorlessEverlastingFlounder-size_restricted

Dopo i primi momenti di difficoltà, nei quali remore e timori si susseguono uno dopo l’altro, Satoru riesce finalmente a prendere confidenza con il proprio corpo e a farsi nuovi amici, arrivando ad assumere un nuovo nome: Limur Tempest sarà proprio il nominativo assunto dal nostro protagonista. Piccolo ma potente esserino, ha la capacità di inglobare tutto quello che abbatte, così da poterne assumere la forma e le abilità (proprio come in un vero RPG). La tranquillità si sa, non è un aspetto che caratterizza questa tipologia storie e Limur non impiegherà molto a capirlo: fra guai e problemi che si tramutano ben presto in (passatemi il termine) beghe ben più grosse e pericolose, il nuovo arrivato avrà modo di dimostrare tutto il suo valore. 

Slime_Taoshite_300-nen_Shiranai_Uchi_ni_Level_MAX_ni_Natteshimatta-5a60812ed0e46

Dopo lo sfavillante successo de L’Emblema di Roto, la Star Comics torna ad allietare i lettori e gli amanti del genere fantasy di tutte le età con una potente saga che mescola perfettamente azione e divertimento, avventure strepitose e siparietti esilaranti. A differenza degli altri manga che sembrano ispirarsi ai giochi di ruolo fantasy, Vita da Slime esce volutamente fuori dagli schemi, raccontando le vicende narrate dal punto di vista di un esserino apparentemente innocuo, uno slime che ci offre una visione della storia mai considerata prima d’ora. Gli autori con la loro storia particolare, tentano di spronare e incitare il lettore, in modo da spingerlo a camminare a testa alta, nonostante l’aspetto e la stazza.

L’attenzione al mondo del fantasy video-ludico è ben visibile sin dalle prime scene nel “nuovo mondo”, all’interno del quale convivono specie così diverse fra loro e a volte persino magiche. Oltre ai mostri e alle bestie presenti all’interno del fumetto, anche le abilità rivestono un ruolo importante, un ruolo quasi centrale, secondo solo alla figura del protagonista. Questi “poteri” rendono ogni personaggio unico nel suo genere, permettendo così di diversificarsi e di spiccare continuamente, rispetto alle tante altre diverse personalità che piano piano incontreremo nel corso dell’avventura. Capitolo dopo capitolo vengono offerti sempre nuovi elementi e nuovi spunti che permettono al lettore di perdersi tra le pagine di questo manga, dove gli sviluppi sono sempre continui e sorprendenti.

Anche oggi siamo giunti alla conclusione! Spero di avervi incuriosito abbastanza, spingendovi a iniziare questa meraviglia di manga! Un saluto, Shadow!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: