Oggi siamo qui con un’ospite molto speciale, ovvero Lady Viova!

Ciao Viola e benvenuta! Mettiti pure comoda e non badare al disordine, allora come stai?

Al disordine sono abituata, non preoccuparti. Si incomincia un’altra settimana di lavoro, il lunedì è sempre difficile per tutti ma… sto bene, grazie! La primavera mi mette sempre di buonumore.

Dici così perchè non sei allergica a tutto il polline esistente! Parlaci un po’ di te, chi sei Viola?

Questa è la domanda più difficile di tutte! Non so mai come rispondere. Sono una venticinquenne alla ricerca di tante cose, soprattutto di parole. Da quando sono piccola leggo molto e scrivo storie, viaggio il più possibile e mi piace accogliere nuove sfide.

Abbiamo un background universitario comune, entrambi siamo letterati disperati! Cosa ti ha spinto a intraprendere questo percorso?

È stata una scelta difficilissima. Ho sempre amato qualsiasi ambito di studi: la scienza mi affascinava tantissimo, negli studi umanistici trovavo rifugio. Ero innamorata della letteratura inglese, per cui inizialmente mi sono iscritta a Lingue, ma dopo pochi mesi ho capito che non faceva per me e sono passata a Lettere. Avevo paura di abbandonare il mondo della letteratura e di perdermi in altri campi: volevo approfondire, addentrarmi ancora in questo ambito e capire se potevo farne un lavoro.

La tua formazione universitaria suppongo ti sia stata utile per il tuo blog  ! Parlaci un po’ della tua vita da blogger, come è iniziata? Qui il link: http://atlantedeisentierinvisibili.com/

È iniziata un po’ per caso, durante una triste sessione invernale di esami. Non avevo mai un attimo di pausa dallo studio, e avevo bisogno di staccare: ho iniziato a pubblicare alcune delle cose che studiavo, per memorizzare meglio ma anche per svagarmi un po’. Ho cominciato su Instagram, e ho scoperto che esistevano centinaia di persone che parlavano di libri. Sul sito, invece, volevo pubblicare alcuni miei racconti per avere un confronto con lettori estranei. Ho imparato molto dagli altri, e ho trovato piano piano il mio modo di condividere sui social.

53751056_2229943210400347_1941578526373183488_n.jpg

Hai mai pensato di scrivere un libro?

Certo! Fin da quando sono piccola. Per me inventare storie e mettere insieme parole è sempre stato un punto fisso. Ho scritto diversi racconti, e una raccolta di racconti per bambini, ma non mi sono mai cimentata davvero nella scrittura di un libro compiuto. È una sfida che vorrei intraprendere… spero il prima possibile!

Domanda difficile, siamo durante l’apocalisse zombie e puoi salvare un solo volume: quale? E perché?

Le persone più intelligenti rispondono citando manuali di sopravvivenza. Ma io credo che anche con un manuale, non sarei capace di sopravvivere molto, per cui… ma sì, salviamo L’ordine della fenice. Almeno mi svago un po’.

Quali consigli daresti ad aspiranti scrittori?

Di essere tenaci e di imporsi di scrivere, scrivere e scrivere. Non si deve aspettare l’ispirazione: la scrittura è anche tecnica e costanza. Si può provare anche con semplici esercizi di scrittura, l’importante è ogni giorno a metter giù qualcosa. Le idee vengono man mano che si scrive.

La tua Top Ten di autori?

Aiuto. Iniziamo con Italo Calvino, Jorge Luis Borges, Michele Mari per la loro scrittura e le loro trame. Poi J.K.Rowling, perché ha creato un universo di fantasia unico che ha fatto parte della mia infanzia. Poi citerei alcuni autori di letteratura per l’infanzia: Roald Dahl, Gianni Rodari. Aggiungerei la coppia Radice e Turconi, adoro il loro modo di narrare e il loro stile. Per il resto, non saprei: ho molti libri preferiti, ma unici titoli di un certo autore (per esempio: il banalissimo ma immenso Piccolo Principe).

Attualmente collabori con “Niente da Dire”, come è nata questa collaborazione?

Seguivo Daniele, Alessandra e Monica come lettrice e fan. Abbiamo iniziato a collaborare tramite i viaggi, e poi, conoscendoci, come si dice in questi casi… “da cosa nasce cosa”! Sono immensamente grata di questa possibilità, da loro e dal resto della redazione imparo sempre moltissimo. Mi piace lavorare in team, e soprattutto… lavorare tra amici!

44983312_892852990910936_2450824582387466240_n.png

 Saluta The Nerd’s Family a tuo modo!

Ciao a tutta la Nerd’s Family, e che il nerd ci unisca sempre!

 

Grazie mille di essere stata dei nostri e spero vivamente ti rivederti sulle nostre pagine, ricordo a tutti voi lettori di seguirla sulle pagine social: @ladyviovandd e su instagram viovagram 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: