Bentrovati a tutti! Oggi vi voglio portare un manga uscito pochi mesi fa in Italia, anche se la pubblicazione in madre patria risale al non troppo lontano 2017. Dr. Stone, questo il titolo, è scritto da Riichirō Inagaki e disegnato da Boichi. Il manga è serializzato sulla rivista, ormai conosciuta ai più assidui lettori del blog, Weekly Shōnen Jump. 

Nel 2018, in occasione del Napoli Comicon, la casa editrice Star Comics ha annunciato la pubblicazione in Italia, inserendolo nella collana dragon. Il primo volume è arrivato sugli scaffali di fumisterie ed edicole il 1° novembre. 

Lo studio TMS Entertainment ha reso noto l’adattamento anime, che verrà trasmesso dal luglio 2019.  

Cosa fareste se improvvisamente dovesse piovere dal cielo un raggio, simile a un’onda energetica, che ci pietrificasse tutti di colpo, consegnandoci ai posteri? Riflettendoci a lungo sono giunto a una conclusione: spero non capiti mai. Più che altro potrebbe accadere in un momento di imbarazzo totale, che porterebbe a catastrofiche conseguenze. 

Trama

Siamo nell’anno 5738. Taiju, questo il nome del protagonista, si è risvegliato dal catatonico stato nel quale si è ritrovato per la bellezza di 3700 anni: lo scenario che gli si presenta è a dir poco incredibile e mozzafiato.

La città nella quale è cresciuto è irriconoscibile, ormai invasa dalla vegetazione che è rimasta a vivere indisturbata per secoli. I compagni di scuola, così come tutti gli esseri umani, sono ridotti a calchi immortalati durante la loro ultima azione quotidiana. Non proprio tutti: faremo la conoscenza di Senku, chiave iniziatica per orientarci in un mondo completamente stravolto. Egli è uno scienziato, che tenterà di scoprire cosa è successo. Dovrà carpire i processi che hanno portato alla pietrificazione dell’umanità. Incontreremo anche Tsukasa, il cui risveglio non sarà per nulla pacifico. 

Analisi

Il manga, sin dalle prime pagine, ci indirizza verso la ricostruzione di un mondo completamente stravolto. Occasione irripetibile per riscrivere una storia sbagliata, fatta di imperdonabili errori umani. Nulla di più attuale: tutti ci interroghiamo, chi più, chi meno, su quale futuro ci si prospetta se l’uomo continuerà imperterrito a perseverare, battendo una strada decisamente errata, convito che essa sia quella corretta. Inagaki, brillante sceneggiatore, è bravissimo a farci perdere l’orientamento, a costruire un labirinto narrativo, nel quale i lettori cercano punti di riferimento per trovare conforto e aiutare i protagonisti nel difficile percorso che li attende.

Come prima cosa dovremmo ritrovare e salvare Yuzuriha, grande amore di Taiju, che sarà fondamentale ai fini della trama. Divisi tra religione e istinto, i nostri protagonisti dovranno imparare a sopravvivere. Dovranno attingere a capacità che, celate dalla modernità e dal ritmo furioso con cui incalza la tecnologia, non sapevano di possedere. 

Boichi crea scenari mozzafiato, confezionando panorami dominati da una natura rigogliosa e selvaggia. Come sempre, si dimostra abilissimo a dirigere l’azione su tavola, facendoci innamorare dei suoi protagonisti fisicamente perfetti.

Curiosità 

Il manga è stabilmente presente con ogni nuovo volume nella classifica Oricon (dove sono presenti i manga più venduti nella prima settimana di debutto). Spesso è presente nelle prime tre posizioni e sul podio nelle classifiche di gradimento dei lettori di Weekly Shonen Jump: Dr. Stone sembra destinato a un futuro glorioso come i grandi titoli di cui Shonen Jump, la storica rivista settimanale giapponese può vantarsi: Dragonball, Naruto, One Piece, My Hero Academia su tutti.

Data l’importanza dell’opera, Star Comics ha reso disponibili ben tre edizioni del primo numero: una copertina standard, una variant e una limited edition, per celebrare l’uscita di uno dei manga più rivoluzionari del panorama shōnen.

Siamo giunti alla conclusione anche quest’oggi! Vi saluto e vi do appuntamento a giovedì! Un saluto, Shadow!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: