Marcella, un giallo in piena regola

Marcella, un giallo in piena regola

Agosto 2, 2019 0 Di Eleven's Eggo

Due stagioni, per un totale di 16 episodi, che seguono le vicende della nostra protagonista, da cui la serie prende il nome.

La prima stagione

Marcella Backland (Anna Friel) è un ex agente di polizia, che decide di rientrare in servizio quando un serial killer su cui la donna aveva indagato torna in circolazione, mietendo altre vittime. Ebbene si, un poliziesco in piena regola.

Marcella, però, è un po’ particolare.

In crisi col marito e traumatizzata dalla morte in culla della figlia minore, Marcella comincia a soffrire di perdita di memoria. Viene sopraffatta da inaspettati scatti d’ira incontrollati che le causano dei blackout totali.

Anche la primissima sequenza che ce la presenta risulta essere molto strana. Residui di sangue e terra sul muro, lei tremante e sanguinante nella vasca da bagno. Non è, di sicuro, il classico poliziotto che incarna gli ideali di giustizia.

Comincia a sospettare, e noi con lei, di essere l’artefice dell’omicidio di Grace Gibson (Maeve Dermody), amante del marito Jason Backland  (Nicholas Pinnock).

La seconda stagione

Dopo aver risolto questo primo caso, Marcella si trova a fare i conti con un serial killer di bambini. Argomento molto più delicato, sia per noi che per la protagonista, madre che ha subito la perdita di un figlio.

Sicuramente questa stagione ha un taglio più introspettivo. Seguiamo Marcella nelle sue sedute di ipnosi terapia, per cercare di arrivare all’origine del trauma che causa la sua perdita di memoria.

I personaggi

Siamo abituati a creare un legame coi protagonisti delle serie tv che guardiamo, sviluppiamo una certa empatia nei loro confronti e tifiamo per loro seguendo le vicende che li caratterizzano.

Qui la situazione è un po’ diversa.

I personaggi non sono piacevoli. Jason, per esempio, risulta antipatico e manipolatore. Anche la stessa Marcella, però, non è semplice da capire.

Si presenta in modo ambiguo: da una parte l’agente di polizia che vuole assicurare il killer alla giustizia; dall’altra una donna in preda agli istinti e non padrona delle proprie azioni. È l’alter ego di se stessa e non sempre riusciamo ad allinearci e a capire i suoi pensieri.

Forse, però, è proprio questo a renderla molto affascinante agli occhi degli spettatori, che cercano di capire che cosa stia succedendo, se quella donna sia l’eroina della storia o l’antagonista.

Per concludere

Ormai avrete potuto notare il mio amore per i gialli e gli enigmi. Marcella, che si colloca appunto in questo genere, è sicuramente una serie tv molto ben riuscita: intrigante e appassionante fino alla fine.

La prima stagione risulta fondamentale per capire il tipo di personaggio che abbiamo davanti e per capire se vogliamo stare con lei o contro di lei. Spesso mi sono trovata a non sopportarla, devo ammetterlo. Compie scelte sbagliate e avventate e non capiamo fino in fondo che cosa la spinga a comportarsi in determinati modi.

Le domande che vengono sollevate all’inizio, soprattutto quelli relativi al trauma della protagonista, ricevono risposta solo nella seconda stagione, caratterizzata da svolte dolorose e inaspettate.

A me è piaciuta veramente molto… Me la sono letteralmente divorata! Ogni episodio spinge a voler vedere subito il successivo, sperando di scoprire sempre qualcosa di più per risolvere il puzzle.

Il finale è inquietante e drammatico, ma preferisco evitare di fare spoiler e lasciare che siate voi a guardarlo! Sono molto curiosa di scoprire che cosa succederà nella prossima stagione.

Fateci sapere cosa ne pensate in un commento e venite a trovarci su Facebook e Instagram!

– Eleven’s Eggo