Lol’s secret: Morgana – La caduta

Lol’s secret: Morgana – La caduta

Aprile 7, 2020 0 Di rainbowumi

Soltanto coloro che ami possono spezzarti il cuore. { Morgana }

La storia di Morgana inizia prima della sua nascita.

Mihira e Kilam erano una coppia innamorata, ma la loro sfortuna fu quella di vivere in tempi di guerre sanguinose e laceranti. E come tutti, durante quei tempi, cercarono una via di fuga. Così, insieme al loro villaggio e con Mihira già incinta, salirono sul Monte Targon, sede delle divinità più antiche. Lì trovarono ben più di quello che avevano sperato: Mihira fu scelta per essere l’Incarnazione della Giustizia e venne armata di una spada fiammeggiante. Quando tornarono, Mihira aveva partorito due gemelle – Kayle e Morgana.
Purtroppo, col passare degli anni, il lato umano di Mihira iniziò ad affievolirsi e sentì sempre di più il bisogno di rispondere alla chiamata della magia celestiale e di unirsi alle battaglie, lasciando così Kilam solo con le sue figlie. Kilam prese quindi la decisione più dolorosa di tutte: abbandonò le terre a lui care e l’amore della sua vita per crescere le sue bambine in un ambiente più tranquillo e protetto.

Morgana

Demacia

Le gemelle crebbero in salute e bellezza ma diametralmente opposte: Kayle, biondissima, dedita a studiare le leggi; Morgana, dalla chioma corvina, compassionevole ed empatica verso gli altri. Un’ondata di migranti stava invadendo le terre di Demacia, erano isolati e messi da parte da tutti gli abitanti. Morgana, rivedendosi in quei volti angosciati e doloranti, decise di prestare il suo aiuto, vagando per i boschi e ascoltando le anime in pena. Cercava di passare più tempo possibile nella natura, poiché a casa la aspettava un Kilam dal cuore sempre più spezzato per aver dovuto lasciare Mihira. Questa vista la portò a serbare rancore verso la madre, per averlo fatto soffrire così tanto. Kilam e Morgana condividevano il timore che le gemelle avessero ereditato il potere celestiale; timore che si trasformò in amara realtà quando una spada fiammeggiante cadde davanti a Kayle e Morgana, conficcandosi nel terreno e spezzandosi in due. Kilam riconobbe subito la lama della moglie. Kayle afferrò con decisione la sua metà, Morgana no. Aveva paura e non era sicura che fosse la cosa giusta da fare, ma vedendo l’entusiasmo della sorella si lasciò trascinare. Nel momento in cui toccarono la spada, a entrambe crebbero due ali gigantesche e vennero dotate di poteri magici.
In un angolo, Kilam piangeva e si allontanava da Morgana che voleva confortarlo.

Le Protettrici Alate di Demacia

Una notte qualsiasi, il loro villaggio venne attaccato. Kilam si trovò con le spalle al muro e sarebbe probabilmente morto se Morgana non fosse intervenuta. Utilizzò il suo scudo per proteggerlo e le fiamme oscure per liberarsi dei nemici. Morgana aveva odiato il suo “dono” fino ad allora, quell’evento la portò all’accettazione di se stessa. Quella notte Kayle e Morgana salvarono molte vite e furono elette a Protettrici Alate di Demacia.
Negli anni, però, Kayle diventò sempre più ossessionata e rigida. Aveva fondato un ordine per far rispettare le leggi e stanare tutti i peccatori. Morgana, più compassionevole, le aveva proposto un patto: tutti coloro che dimostravano di essere pentiti per davvero, lei li avrebbe purificati. Il patto non durò a lungo.
Ronas, il seguace più fedele di Kayle, non accettava la situazione. Andò da Morgana per arrestarla; lei si difese con le sue fiamme oscure finché il corpo del ragazzo non cadde a terra privo di vita. In quell’istante Kayle giurò vendetta e giustizia per il suo discepolo.

La caduta di Morgana

Morgana e Kayle combatterono su in cielo, a colpi di spada, parando l’una i colpi dell’altra, incendiando il villaggio sottostante. Una delle due sembrava prevalicare l’altra, quando un urlo di dolore aleggiò nell’aria. Morgana lanciò la sua spada a Kayle e si fiondò dal padre in men che non si dica, ma era troppo tardi ormai. Kalim morì fra le braccia della figlia. “Dimmi sorella, anche nostro padre meritava la tua punizione per i mortali? Il suo unico peccato è stato quello di portarci via da lei.” Kayle non rispose mai a quella domanda, volò via senza guardarsi indietro.
Morgana tentò in seguito di tagliarsi via le ali, ma nessuna lama ne fu in grado. Decise quindi di incatenarle e di camminare sulla terra come i mortali. Nei secoli, di lei rimase solo la leggenda, il nome quasi dimenticato. Ricordano il nome della sorella e la esaltano ad eroina; lei è conosciuta invece con il nome di “Velata”. Ciononostante, Morgana non rifiuta mai il suo aiuto a chi lo cerca. È rimasta nell’oscurità, ad attendere che la sorella faccia ritorno per il suo giudizio. Si sente tradita e amareggiata da lei, ma pronta per lo scontro. E con il ritorno della magia a Runeterra, Morgana sa che quel giorno non è poi così lontano.

 

A breve uscirà il suo primo aspetto leggendario, cliccate qui per darci una sbirciatina!
Vi siete persi l’articolo precedente sui campioni di LOL? Niente paura, lo trovate qua!
Ci rivediamo a maggio per il prossimo articolo sui champion di LOL!
Rainbow Umi