Eravamo rimasti al secondo capitolo della trilogia: Hunger Games-La ragazza di fuoco.
Ora è il tempo di trasformare la rivolta in rivoluzione.

Dal presidente Snow alla presidentessa Coin

La rivolta è iniziata e si sta trasformando in una rivoluzione. Katniss dopo i giochi si risveglia al distretto 13 e scopre che è sopravvissuto. Però non in superficie, ma sottoterra.

peeta - il canto della rivolta

Purtroppo, scopre che il Distretto 12 è stato distrutto. Dopo che ha scoccato la freccia vero il vero nemico, Capitol City ha lanciato le bombe incendiare sul distretto. Gale è riuscito a salvare moltissima gente, tra cui, ovviamente, la famiglia della ragazza di fuoco.

Se però Katniss, Beetie e Finnick sono stati trasportati al 13, lo stesso non si può dire per Johanna e Peeta: loro sono nella Capitale. Con loro c’è anche Annie, la ragazza di cui è innamorato Finnick, e lì cominciano le torture. La peggiore viene inflitta a Peeta che diventa l’arma di Capitol City: il depistaggio.

È qui che conosciamo com’è la vita degli ex-vincitori: «Puoi vincere nell’arena, ma quando ne esci sei uno schiavo».

Finnick

Dimenticate il suo sorriso splendente e il suo entusiasmo. Finnick è spento, depresso. Ed è la rivelazione di questo capitolo. Metafora dell’uomo-oggetto, Finnick è talmente bello che viene dato in pasto agli abitanti della Capitale.

Finnick - il canto della rivolta

Rimettere insieme i pezzi richiede dieci volte il tempo che serve per crollare.

Qui possiamo riconnetterci a una delle frasi del secondo libro, nel momento della parata dei tributi. Vi dice qualcosa la parola segreti?
Ebbene sì, Finnick è stato intelligente ed è riuscito a contrattare la sua moneta di scambio: segreti. In particolare, sul Presidente Coriolanus Snow, il presidente di Panem.
Veleni, antidoti, strategia… il Presidente è salito al potere in giovane età ed è stato in grado di mantenerlo fino a ora, soffocando sul nascere ogni ribellione.
Ma mentre Capitol City lascia messaggi per Katniss e mentre ci si prepara a salvare Peeta, Johanna e Annie, Finnick decide di raccontare la sua storia. Nel film non mi è per niente piaciuta questa scena, trovo che sia stata resa in modo molto superficiale, sinceramente. Nel libro l’ho ovviamente amata.

il canto della rivolta

Il fuoco della rivoluzione sta divampando e “se noi bruciamo, voi bruciate con noi!”. Hunger Games – il canto della rivolta pt 1 arriva fino al recupero dei tributi presi in ostaggio e subito dopo l’aggressione di Peeta. La seconda parte tratta di una vera e propria guerra e soprattutto di un tentativo di riportare Peeta ad essere il ragazzo del pane, ad essere il dente del leone a primavera.

Ma soprattutto, di come gli esseri umani si dimentichino troppo in fretta quello che è stato, la storia.

Katniss uccide coin - il canto dellarivolt

«Siamo creature stupide e incostanti, con la memoria corta e un grandissimo talento per l’autodistruzione.»

E di come, uccidere sia sempre un fatto personale.

Poison El

[Proofreader e Editor. Digital Content Creator. Blogger. Artist. Traveller. Aspirant Writer.]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: