Ciao Ben, benvenuto!

È appena uscito in Italia il tuo romanzo, The Loop, il primo volume di una trilogia YA.

È un piacere averti qui! Iniziamo questa intervista.

Ben Oliver - The Loop

  • Oltre a The Loop hai scritto altri racconti più brevi nel corso degli anni. C’è ne è uno a cui sei più affezionato? Se sì, perché?

Ciao, è bello parlare con voi, grazie per avermi invitato!
Sì, prima di scrivere il mio primo romanzo ho scritto racconti e ho pubblicato la mia prima storia a 18 anni. Da allora ho pubblicato molte storie.
Il racconto a cui sono più affezionato è probabilmente The Many Deaths of Michael Finch, che è la storia di un ragazzo che, ogni volta che muore, torna in vita poche settimane prima della sua morte e può evitarlo la prossima volta. Ha un finale molto dark che mi piace molto.

  • A che età hai iniziato a scrivere? E quali sono stati i tuoi primi argomenti e/o soggetti di cui ti è piaciuto scrivere?

Quando avevo sei o sette anni riscrivevo i libri di Roald Dahl e aggiungevo nuove scene e nuovi personaggi. Ma ho iniziato davvero a scrivere le mie storie quando avevo circa diciotto anni. I miei primi tentativi di scrivere un romanzo furono tutte storie horror che furono pesantemente influenzate da Stephen King… erano terribili! Ma devi iniziare da qualche parte. Mi ci sono voluti quindici anni dal mio primo tentativo di scrivere un romanzo per essere pubblicato.

  • Hai dei rituali particolari che fai prima di iniziare a scrivere? Fai qualcosa di particolare che ti mette a tuo agio nel concentrarti e scrivere? (ad esempio, se ti prepari una cioccolata calda prima di iniziare a scrivere o ascolti musica, ecc.)

Non ho davvero alcun rituale. La mia vita è stata così folle negli ultimi anni che non ho abbastanza routine per elaborare un programma o qualcosa del genere. Di solito mi viene in mente un’idea e non comincerò a scrivere fino a quando l’idea non è cresciuta nella mia mente. È come se l’idea stesse incubando, e quando è pronta per essere scritta, mi siedo e inizio a scrivere. Non scrivo una trama o un piano, mi siedo e scrivo, e vedo cosa succede.

  • Ho letto in un’intervista che la tua tecnofobia ti ha ispirato a scrivere la trilogia di YA. Come?

Penso che la tecnologia sia fantastica per la maggior parte; specialmente quando si tratta di aiutare le persone e di accelerare i progressi della medicina e di tenerci in contatto, ma è anche una cosa molto pericolosa, manipolatrice e insidiosa. Le aziende raccolgono i nostri dati in modo che possano manipolarci, le società dei social media creano dipendenza dalle loro piattaforme in modo che continuiamo a tornare, i politici possono utilizzare gli algoritmi per trovare persone che sono facilmente influenzate e mirare annunci pubblicitari su di loro per cambiare chi votano. Tutta quella roba mi spaventa.

Ben Oliver - Loop

  • The Loop è sempre stato chiamato così o è cambiato nel corso della scrittura?

The Loop è stato senza titolo per circa due ore, e poi, una volta che ho potuto immaginare completamente la prigione in cui i detenuti erano intrappolati, sapevo che si sarebbe chiamato The Loop.

  • Hai un personaggio preferito in The Loop? O una scena particolare?

Il mio personaggio preferito è Pander Banks. Adoro che sia una diretta, senza paura, pronta a saltare in battaglia in qualsiasi momento! È anche divertente e le piace cantare. La mia scena preferita è probabilmente il viaggio di Luka attraverso il tunnel della metropolitana, dove viene attaccato da topi assassini mutati. Chiaramente le mie influenze horror non sono completamente sparite!

  • All’interno della prigione, Luka Kane riceve segretamente dei libri, vedendo la lettura come una fonte di fuga – e in qualche modo salvezza. Sei d’accordo? I libri che Luka legge sono alcuni dei tuoi preferiti?

Sono assolutamente d’accordo! I libri sono stati una fuga per me nei momenti difficili, possono essere il miglior nascondiglio. Se ti perdi in un libro per un po’, puoi fare una vacanza dalla tua vita, il che è una cosa meravigliosa. Adoro tutti i libri che Luka legge in The Loop, e ne leggerà qualche altro nei sequel che amo anche io.

  • Puoi dirci qualcosa sul sequel di The Loop? L’hai già scritto o lo stai ancora scrivendo?

Posso dirvi che è persino meglio di The Loop (secondo me, comunque). Molta azione e alcune scene raccapriccianti. Mi sono divertito così tanto a scriverlo ed è quasi finito, sto solo lavorando a una bozza finale con il mio editore.

  • Sappiamo che sono stati comprati i diritti di acquisizione per una serie TV di The Loop, congratulazioni! Le riprese delle serie TV sono già iniziate? Sai già qualcosa sul cast o chi lo farà?

I diritti sono stati venduti, che è stata un’esperienza straordinaria ed emozionante. Non mi è permesso parlarne troppo, ma abbiamo un produttore e uno sceneggiatore a bordo… speriamo che ci siano alcune notizie che mi sarà permesso di condividere presto.

  • Hai in mente qualcuno in particolare che potrebbe interpretare il personaggio di Luka Kane?

Non ho in mente nessuno che possa interpretare Luka. Il problema è che Luka ha sedici anni e non conosco giovani attori! Quello che mi piacerebbe davvero è che un attore sconosciuto lo interpreti. Qualcuno che inizi la sua carriera interpretando Luka sarebbe geniale.

  • Hai letto qualche libro che ti piace durante questa quarantena, e vorresti raccomandarli ad altri? Se è così, potresti nominarci alcuni?

Di recente ho letto la trilogia di Scythe di Neal Shusterman, che è assolutamente geniale! E attualmente sto leggendo A Ballad of Songbirds and Snakes che adoro finora.

Grazie a Ben Oliver di essere stato con noi!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: