Tv Series

Madam CJ Walker – la prima donna milionaria negli USA, e anche afroamericana

Self-made: la vita di Madam CJ Walker l’ho scoperta un mese e mezzo fa, in piena quarantena, mentre stavo scrollando con aria annoiata la lista di Netflix alla ricerca di una serie da guardare insieme a mia madre – che non è una grande appassionata di polizieschi. A lei piacciono di più le storie di vita quotidiana in cui può immedesimarsi, con qualche drama ma divertenti – non a caso, Desperate Housewives e Ghost Whisperer sono nella nostra top 5. Fra gli innumerevoli titoli scorsi, una copertina azzurro-verde pastello con il viso di Octavia Spencer attira la mia attenzione. È amore a prima vista: Octavia la amo dai tempi di The Help, nonostante il ruolo marginale. Sono solo quattro episodi ma ce li mangiamo alla velocità della luce. Il trailer vi farà intuire perché.

Octavia Spencer as Madam Walker

Questa è stata una recensione che ho rimandato per molto tempo e che è programmata da due settimane. Una coincidenza che sia stata programmata per la settimana dopo che è scoppiato il movimento Black Lives Matter, ed effettivamente non c’è momento migliore in cui parlare di questa serie. Badate bene: non perché vogliamo sfruttare il momento di picco dell’hashtag (non ci verrebbe manco in mente), ma perché molte persone si stanno chiedendo: cosa e come fare per creare un vero cambiamento nella nostra società? Comprare nei negozi di persone nere è la via più semplice ed efficace. Parlare quindi della prima donna negli USA a diventare milionaria, che caso vuole fosse un’afroamericana, mi sembra un ottimo inizio. 

Chi è Madam CJ Walker?

Sarah che si fa trattare i capelli da Addie

Sarah Breedlove, da sposata Walker, era una donna afroamericana nata poco dopo l’abolizione della schiavitù negli USA. Uscita da un matrimonio abusivo e con una figlia di due anni, decide di risposarsi con un uomo gentile che fa il grafico pubblicitario, mentre lei lavora come lavandaia per i bianchi. Durante il matrimonio precedente aveva addirittura perso i capelli. Si era fatta aiutare da una donna, Annie Malone, che creava e vendeva prodotti per i capelli per le donne afroamericane, che aveva fatto magie ridandole la sua chioma naturale. Sarah, stanca di guadagnare una miseria, decide di mettere su i suoi prodotti per capelli e inizia a venderli. Ovviamente inizia così una guerra con la Malone (nella serie tv, Addie Monroe) che avrà fine solo dopo moltissimi anni.

Come si costruisce un impero economico?

Con determinazione, anche quando tutto ti va contro. Con una fiducia immensa nelle proprie capacità, anche quando il tuo stesso marito, l’uomo che sembrava forte e supportivo, inizia ad odiare il tuo successo perché si sente sminuito da esso. Sognando in grande, così tanto da immaginarsi cose che mai sono state fatte fino a quel momento e proprio per questo sembrano impossibili. Avendo il coraggio di continuare sulla strada giusta, anche se è quella più difficile e tortuosa. Sarah Walker può risultare strafottente e autoritaria, ma la verità è che se non lo fosse stata non sarebbe riuscita ad essere la prima donna milionaria. Sa cosa vuole e non ha paura né di dirlo né di andare a prenderselo. Fa male, le fa così male che morirà di ipertensione cardiaca. Eppure quella donna non molla nemmeno per un secondo i suoi sogni e dà tutta la vita affinché vengano rispettati. 

Le Agenti Walker

Madam Walker durante le riprese di una pubblicità dei suoi prodotti

Camicia bianca, gonna e borsetta nera: le agenti di vendita porta a porta di Madam Walker erano donne nere istruite e con lo stesso carisma della loro titolare. Sarah aveva costruito la scuola in cui insegnare alle donne non solo dei prodotti che avrebbero venduto una volta fuori di lì, ma anche il rispetto per se stesse. Sarah faceva vedere loro che tutto era possibile, bastava crederci con ogni singola fibra presente nel loro corpo. Si stima che abbia dato lavoro intorno alle 10/20 migliaia di donne afroamericane in tutti gli USA. Ha dato loro non solo un lavoro, bensì l’opportunità di guadagnare molto di più rispetto ai classici lavori che una donna nera avrebbe potuto fare a inizio 1900. E insieme al guadagno, ha insegnato loro la fierezza di essere indipendenti, di non avere paura a desiderare qualcosa in più. 

La serie su Madam Walker

Non sono un’esperta di cinema ma posso dirvi che la sceneggiatura di questa miniserie da quattro episodi copre tutto ciò che dovrebbe. Di sicuro taglia molte cose, ma le scene clue e lo sviluppo di Sarah Walker vengono fatti in maniera impeccabile. Nonostante lei faccia parte di un mondo del tutto diverso dal nostro, ci si riesce ad immedesimare con molta facilità ed è semplice provare empatia per lei. Octavia Spencer finalmente ha un ruolo in cui può esprimere tutta la sua bravura, ha fatto il grande passaggio da supporting a leading actress e io non posso che esserne felice, vista la resa. La sua forza contagia tutto il resto del cast, anche gli attori e attrici che possono sembrare un po’ più debolucci messi a confronto con lei. Nell’insieme, una serie molto godibile che, se sei disposto ad ascoltare con il cuore, può colpirti nel profondo.
 

Madam CJ Walker era una donna forte e inarrestabile, che ha però preferito dare potere alle proprie venditrici porta a porta che far distribuire il proprio prodotto nelle grandi catene di negozi. Era una donna che non si è fermata davanti a nulla e che non si è fatta mettere i piedi in testa. Era una donna che ha donato una fortuna ad organizzazioni di beneficenza, in modo da poter garantire un futuro migliore a milioni di giovani afroamericani. perché lei, che arrivava da una famiglia povera che lavorava nelle piantagioni, sapeva perfettamente cosa volesse dire soffrire la fame.
Abbiamo bisogno di più donne come lei? Fatemi sapere cosa ne pensate di questa donna incredibile nei commenti!
Persi l’ultimo Mercoledìseries? Meno male che esistono i link!

– Rainbow Umi 

rainbowumi

{ Slytherin // Feminist // Virgo&Aries // Veg girl // Urban fantasy }
{ Mermaids ; vampires ; fairies // Disney // Haikyuu // The Infernal Devices }
Likes: writing, reading, manga and comics, cosplay, dyed hair, the sea, travels, tv series, rainbows, playing league of legends and eating lots of food.
Dislikes: hate, misoginy, boring people/topics/colours, places without free Wi-Fi, random negative comments without any explanation.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: