Stranger Things – quattro anni dal prima serie su Netflix

Stranger Things – quattro anni dal prima serie su Netflix

Luglio 15, 2020 0 Di Poison El

Stranger Things è una serie tv fantascientifica della Camp Hero Productions 21 Laps Entertainment sulla piattaforma Netflix, di Matt e Ross Duffer. Il 27 ottobre 2017 è stata rilasciata la seconda stagione e la terza il 4 luglio.

Stranger Things

Benvenuti a Hawkins

È il 6 novembre 1983 a Hawkins, una remota e tranquilla cittadina. Il dodicenne Will Byers, membro di un ristretto gruppo di quattro amici fraterni, sparisce in circostanze misteriose. Parallelamente, c’è un laboratorio segreto nei dintorni della stessa cittadina in cui un ricercatore è vittima di un’inquietante creatura. Gli esperimenti che fanno sono tutt’altro che convenzionali. Una ragazzina approfitta dell’incidente: è Eleven (Undici – Undi per i suoi amici). Dopo aver trovato rifugio in un ristorante, continua la sua fuga imbattendosi in Mike, DustinLucas. Will è scomparso e i ragazzini lo stanno cercando e così le loro strade si incontrano.
La ragazza crea un legame in particolare con Mike, il quale decide di nasconderla nella sua abitazione. Una tenda, biscotti e waffle, e tra i due nasce un’amicizia. Sul suo braccio c’è un numero, 11, con il quale si identifica.

Stranger Things

Undici è a conoscenza di dove si trovi Will e così aiuta i ragazzi a trovarlo, o meglio aiuta i ragazzi a far loro capire dove sia finito il loro amico. Will si trova ne Il Sottosopra, popolato da mostruose creature, una delle quali si chiama Demogorgone, un Mindflyer.

Quasi tutti gli eventi che accadono creano linee narrative differenti. Le indagini della polizia locale, guidate dall’agente Hopper, sono ostacolate dal laboratorio di Hawkins, che inscena anche una finta morte del bambino. Ma loro sanno la verità: sanno che il bambino è vivo ed è in pericolo.
La madre di Will, Joyce comincia a vivere bizzarre esperienze nella propria casa, durante le quali il figlio riesce a mettersi in contatto con lei. Al contrario Jonathan, il figlio maggiore, inizia a indagare con la sorella di MikeNancy, sulla creatura che potrebbe aver rapito il fratello e la migliore amica della ragazza. Le ricerche di HopperJoyce, Jonathan, Nancy e dei ragazzi convergono presto insieme, mentre gli agenti del laboratorio, capitanati dal dottor Brenner, cercano di insabbiare tutto e di catturare nuovamente Undici.

Composta da 8 episodi, Stranger Things è una serie che ha saputo catturare l’attenzione dello spettatore al principio. Con Winona Ryder David Harbour. 
La prima stagione venne filmata nei dintorni di Jackson, in Georgia, tra novembre 2015 e marzo 2016.

Effetti speciali e colonna sonora

Il Demogorgone è impersonato da Mark Steger. 
Per riprodurre le creature mostruose della serie fu usata una combinazione di protesi, animatrionica e CGI. Gli effetti sono curati dalla Spectral Motion, che aveva già lavorato a vari film di Guillermo del Toro. 
I mostri furono concepiti dai Duffer con l’aiuto del concept artist Aaron Sims:

«mostri senza volto, con lunghe braccia e una testa che si apre come un fiore disgustoso quando è ora di mangiare», paragonandoli agli squali di Lo squalo per diversi aspetti, tra cui il modo con cui sconfinano dalla propria dimensione e seguono le prede attratti dal sangue.

La dimensione alternativa, Il Sottosopra, fu pensata come un’ombra del mondo normale, prendendo a riferimento il videogioco Silent Hill e il film Alien. 

La colonna sonora originale di Stranger Things è stata composta da Michael Stein Kyle Dixon. I sintetizzatori sono un omaggio agli artistici e compositori delle colonne sonore degli anni ’80. Secondo Stein Dixon, i fratelli Duffer erano così fan della musica dei Survive ed avevano usato la loro canzone Dirge per il finto trailer usato per vendere la serie a Netflix.

La prima stagione venne accolta positivamente dalla critica. Rotten Tomatoes registra un indice di gradimento del 94%.

«Emozionante, straziante, e talvolta spaventosa, Stranger Things è un appassionante omaggio ai film di Spielberg e alla televisione vintage degli anni ottanta»