Sì, lo so. Le vedo già le vostre facce. Ahri è, insieme, uno dei champion più amati e più mal sopportati dalla community di League of Legends. Se fosse il personaggio di un libro, di sicuro sarebbe etichettata come la classica Mary Sue: intelligente, bellezza inarrivabile, con dei poteri magici fighissimi e abbastanza umana da essere oggettificata ma con dei richiami alla sua natura di volpe. Inoltre, il suo kit di spell in-game è quel giusto equilibrio fra complicato e semplice, in modo che un po’ tutti possano giocarla ed esserne relativamente soddisfatti. Ma oggi non sono qua per parlarvi della sua backstory, né di quanto ci hanno messo per svilupparla. Bensì, oggi parleremo di come sia la protagonista di tre universi alternativi: Star GuardianK/DA e Spirit Blossom. 

Star Guardian Ahri 

La serie di skin Guardiane Stellari (Star Guardian) è stata lanciata la prima volta con Lux il 18 maggio 2015, esattamente cinque anni fa. Per qualche anno questa skin di Lux è stata sola soletta, fino a quando è stato deciso di darle un team da dirigere. Qualche tempo più tardi, è stata formata la squadra di “seconda generazione”, guidata proprio da Ahri. Il compito delle Guardiane Stellari è quello di difendere la luce delle stelle dall’oscurità che si aggira nell’universo. Si formano in una scuola apposita e combattono instancabilmente dopo aver firmato il contratto ufficiale con la Prima StellaAhri era a capo di una squadra che, come vediamo nel cinematic, ha perso misteriosamente. Ora è tornata alla ribalta con una vecchia compagna (Miss Fortune) e tre nuovi alleati, ma il suo carattere è cambiato per sempre.  

Ahri

Ora Ahri è molto più responsabile e sente il peso delle vite dei suoi compagni sulle sue spalle. È più prudente e non si butta in mezzo al pericolo come faceva prima. Addirittura, è arrivata a farsi delle domande sul suo compito: loro devono proteggere l’universo intero, ma chi proteggerà loro? Chi salverà le Guardiane Stellari nei momenti più pericolosi? Sono paladine destinate a bruciare e cadere in battaglia. E per quanto Ahri sappia di non poter modificare il loro destino, vuole almeno preservare le vite dei suoi alleati il più possibile. 

K/DA

Discorso simile va fatto per questo universo. Il 25 novembre 2013 fu rilasciata la skin di Ahri Popstar e fu un grande successo. Con l’avanzare degli anni – e dell’esperienza del reparto animazione e design Riot – ci si rese conto che la skin aveva bisogno di una svecchiata, ma era un peccato andare a toccarla direttamente. Quindi quello che è stato fatto è stato creare un universo alternativo in cui entrambe le versioni possano esistere: Ahri K/DA è Ahri Popstar ma cinque anni più tardi e con un gruppo. Il loro singolo POP/STARS è esploso in tutto il mondo e ora la band non vede l’ora di poter fare un tour mondiale. 

Insieme alle skin singole, sono anche state fatte le Prestige Editions: tutte sul tema dell’oro, sono state create per i Pop Shine Awards, un premio che si ispira alle varie Awards Ceremony che si tengono in ambito musicale – e non solo. Inoltre, grazie alle K/DA, è stato realizzato il primo video musicale di League of Legends: sono state chiamate quattro cantanti internazionali, e ad ognuna di loro è stato assegnato un championAhri è stata assegnata a Miyeon, della band coreana (G)I- DLE. Il singolo è stato talmente un successo che si sono esibite dal vivo alla cerimonia d’apertura delle finali dei mondiali di League nel 2018. 

Spirit Blossom 

L’evento Spirit Blossom è un antico festival celebrato nella regione di Ionia. Quando le porte del mondo degli spiriti si aprono, i morti possono tornare dai loro cari per un saluto, mentre le altre entità danno una sbirciatina ai vivi. Si dividono in Akana e Kanmei: i primi sono gli spiriti che hanno trovato la pace, i secondi sono coloro che ancora vagano in cerca di anime da catturare. I campioni selezionati per questa serie di skin rappresentano gli spiriti più importanti del festival. In particolare, Ahri rappresenta lo Spirito della Salvezza, colei che guida i morti verso le porte del mondo degli spiriti. Durante il percorso che fa loro percorrere, però, ci sono i vari Kanmei che tentano le anime che lei guida e, a volte, quelle anime fanno la scelta sbagliata.  

Lo Spirit Blossom doveva essere, inizialmente, un reboot della linea della skin Sakura. Il tema era già stato introdotto nel racconto Perennial, che racconta come i campioni siano rappresentazioni di figure mitiche Ioniane. Durante questo evento sono stati rilasciati ben due campioni nuovi: Lillia e YoneLillia è un gentile spirito della foresta, mentre Yone è il fratello maggiore di YasuoAhri appare in uno dei cinematic dell’evento, su una barca a parlare proprio con Yasuo: per questo, si sospetta che possano aver sviluppato un qualche tipo di legame. Una piccola curiosità: il kimono che indossa Ahri è piegato con la parte sinistra su quella destra: in Giappone, il kimono viene piegato in questa maniera solo per i rituali funebri. 

 

 Lasciate un commento e fatemi sapere qual è la vostra skin preferita!
– Rainbow Umi

rainbowumi

{ Slytherin // Feminist // Virgo&Aries // Veg girl // Urban fantasy }
{ Mermaids ; vampires ; fairies // Disney // Haikyuu // The Infernal Devices }
Likes: writing, reading, manga and comics, cosplay, dyed hair, the sea, travels, tv series, rainbows, playing league of legends and eating lots of food.
Dislikes: hate, misoginy, boring people/topics/colours, places without free Wi-Fi, random negative comments without any explanation.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: