Apocalypse Now è un film epico di guerra del 1979,, diretto, prodotto e scritto da Francis Ford Coppola.

“Un giorno questa guerra finirà”, è il saggio commento del fanatico surfista impazzito Wagner, il tenente colonnello Kilgore, interpretato da Robert Duvall. Infatti, quando il grandioso capolavoro epico di Francis Ford Coppola è stato presentato per la prima volta nel 1979, la guerra del Vietnam era terminata solo quattro anni prima. La successiva guerra tra Vietnam e Cambogia (dove è ambientato il climax del film) era in pieno svolgimento.

Il nostro motto: Apocalypse Now

Martin Sheen interpreta il capitano Benjamin Willard, un ufficiale in difficoltà, che si sta – quasi – riprendendo da una crisi causata dal suo ultimo tour in Vietnam. È incaricato dai capi dell’intelligence di intraprendere un viaggio fluuviale con un piccolo equipaggio, nel territorio dei Viet Cong e in Cambogia.

Qui deve rintracciare il colonnello Walter Kurtz – uno straordinario cameo di Marlon Brando – un ufficiale rinnegato delle forze speciali dell’esercito accusato di omicidio e presunto pazzo. Willard ha il compito di “terminare il suo comando”. L’ufficiale Kurtz, un tempo brillante, è diventato nativo. Si dice che sia venerato come un capotribù e adorato come un dio pagano, e ha perso la testa per aver ricevuto una terribile visione dell’umanità nella giungla stessa, e per questo ha iniziato a ordinare esecuzioni.

Dalla trasposizione del libri Heart of Darkness alla creazione del mito

La sceneggiatura del film è co-scritta da Coppola e John Milius mentre la narrazione è curata da Michael Herr. Il film traspone il libro Heart of Darkness del 1899 di Joseph Conrad sul conflitto in Vietnam. Coppola ha riscritto e rielaborato la sceneggiatura originale di John Milius in modo che fosse più fedele al libro. “Devi rendertene conto, quando stavo realizzando questo non portavo in giro una sceneggiatura”, dice. “Avevo una copia tascabile verde della Penguin di Heart of Darkness con tutte le mie sottolineature. Ne ho tratto il film”.

apocalypse now
Sul set di Apocalypse Now

Il primo ideatore di Apocalypse Now: John Milius

Lo sceneggiatore John Milius attribuisce la sua ossessione per la guerra al fatto di  non poter combattere in una. Milius tentò di fare volontariato per il Corpo dei Marines degli Stati Uniti per combattere nella guerra del Vietnam nel 1968, ma fu rifiutato a causa della sua asma. Invece, ha studiato filmografia alla USC con il compagno di classe e creatore di Star Wars George Lucas. Lì, durante una lezione, un professore di nome Irwin Blacker disse alla classe che nessuno sceneggiatore aveva mai perfezionato un adattamento cinematografico del romanzo di Joseph Conrad Heart of Darkness. L’aspirante mente del regista focalizzata sul Vietnam e la sfida di Blacker hanno dato a Milius l’idea di unire i due in quello che alla fine sarebbe diventato Apocalypse Now.

apocalypse now
John Milius, 1979 ca.

Farsi beffa degli hippies

Milius ha ottenuto il titolo del film riutilizzando lo slogan “Nirvana Now”, usato dagli hippy della California, che significava sballarsi e raggiungere uno stato di pura coscienza. Il titolo vero e proprio non è mai menzionato nel film, ma appaiono dei graffiti che dicono “Our motto: Apocalypse Now” (il nostro motto: Apocalypse Now) che possono essere visti sul fronte del complesso di Kurtz mentre Willard sale i gradini di pietra. È stato aggiunto da Coppola perché il titolo e il copyright dovevano legalmente apparire da qualche parte nel film secondo i regolamenti sindacali.

This is the end, beautiful friend

Coppola ha frequentato la scuola di cinema dell’UCLA con tutti i membri di The Doors, incluso Jim Morrison. Il gruppo ha accettato di lasciare che Coppola usasse le registrazioni della loro musica per il suo film. A Coppola piaceva la misteriosa geometria degli alberi e degli elicotteri che sfrecciavano veloci, e disse a Marks di tagliarla insieme a una canzone di The Doors intitolata “The End”, perché pensava che sarebbe stato divertente e simbolico iniziare il film con “The End”.

Heart of darkness – il libro da cui è tratta l’opera

Il romanzo di Joseph Conrad è la storia di un europeo di nome Kurtz che penetra nelle regioni più lontane del Congo e si afferma come un dio. Una barca si mette in viaggio per trovarlo, e nel viaggio il narratore perde gradualmente fiducia nella civiltà ordinata. Si ritrova oppresso dal grande peso della giungla che lo circonda, un campo di prova darwiniano spietato in cui ogni essere vivente cerca ogni giorno di non essere mangiato.

Ciò che si trova alla fine del viaggio non è Kurtz, tanto quanto quello che Kurtz ha trovato: che tutti i nostri giorni e modi sono una struttura fragile arroccata nel disagio, in cima alle mascelle affamate della natura che ci divoreranno spensieratamente. Una vita felice è un recupero quotidiano da questa conoscenza.

Le difficoltose riprese del film Apocalypse Now

Il film è noto per i problemi incontrati durante la sua realizzazione, che è durata oltre un anno, come riportato nel documentario Hearts of Darkness: A Filmmaker’s Apocalypse (1991).

I 238 giorni di riprese di Apocalypse Now nelle Filippine sono diventati una leggenda cinematografica, in gran parte catturata in “Hearts of Darkness”, il documentario di George Hickenlooper sulla realizzazione del film messo insieme da filmati dietro le quinte girati da Eleanor, la moglie di Coppola.

Questi problemi includevano insiemi costosi che venivano distrutti da condizioni meteorologiche avverse e dall’infarto sofferto da Sheen durante le riprese del film. Un tifone ha distrutto gran parte del set. Coppola ha avuto un attacco epilettico. Gli elicotteri che aveva noleggiato dal governo filippino scomparvero ripetutamente per andare a prendere parte ai combattimenti reali, combattendo un’insurrezione nel sud del paese. Gli elicotteri dovevano essere riverniciati due volte al giorno per cambiare i loro colori dall’americano al filippino. Quando Brando si è presentato sul set era sovrappeso e poco preparato.

Niente di tutto ciò è stato aiutato dal prodigioso uso di droghe tra il cast e la troupe del film.

Coppola vs Brando

Marlon Brando, che in precedenza aveva vinto un Oscar come Vito Corleone in Il Padrino di Coppola, si è presentato sul set in sovrappeso (attorno ai 136 chili). Tutti i suoi costumi dovevano essere rifatti perché Coppola si aspettava che l’attore si presentasse allenato e in forma come un soldato Green Beret. Ciò costrinse Coppola a trovare un modo per girare le scene mascherando il peso di Brando.

Così Coppola e il direttore della fotografia Vittorio Storaro pensarono di girare le scene di Brando nell’ombra e utilizzare le sagome per rendere il suo personaggio più misterioso.

apocalypse now
Marlon Brando con la testa rasata, pronto per interpretare il colonnello Kurtz

Quando Coppola gli parlò di come pensava che dovesse interpretare Kurtz, Brando respinse tutte le sue idee, incluso il suggerimento di interpretarlo come un uomo calvo, come nel libro. Brando disse che ci avrebbe dormito su. Alla fine si presentò il giorno successivo con la testa rasata e disse a Coppola che aveva letto Heart of Darkness la sera prima, e si era convinto interpretare Kurtz proprio come il personaggio del libro.

La determinazione di Coppola

I problemi poi continuarono dopo la produzione poiché l’uscita fu rimandata più volte mentre Coppola montò oltre un milione di piedi di film. Indipendentemente da quanto spesso la produzione passasse da una crisi all’altra, Coppola resisteva costantemente alla tentazione di rilasciare un film che non soddisfaceva i suoi rigorosi standard.

Walter Murch, il sound designer vincitore dell’Oscar che ha anche curato gran parte del film, afferma che “Ci sono persone in quelle circostanze, quando qualcosa va male, che cercano di ritirarsi in un posto sicuro. Questo non ha fatto altro che incoraggiare Francis ad andare oltre. È stato mozzafiato, sia in produzione che in post-produzione.”

apocalypse now
Il regista Francis Ford Coppola sul set del film.

Il fatto che Apocalypse Now mantenga il suo potere di shock e soggezione da quattro decenni è una testimonianza della determinazione di Coppola a fare a modo suo.

“Non sapere come fare qualcosa non mi ha mai impedito di provare a farlo”, dice Coppola.

I premi

Apocalypse Now è stato premiato con la Palma d’oro al Festival del cinema di Cannes, dove è stato presentato per la prima volta incompiuto prima di essere finalmente pubblicato il 15 agosto 1979 da United Artists.

Le recensioni iniziali sono state miste; mentre la cinematografia di Vittorio Storaro è stata ampiamente acclamata, diversi critici hanno ritenuto che la gestione di Coppola dei principali temi della storia fosse anticlimatica e intellettualmente deludente. Apocalypse Now è oggi considerato uno dei più grandi film mai realizzati. È stato nominato per otto premi Oscar al 52 ° premio Oscar, tra cui Miglior film, Miglior regista (Coppola) e Miglior attore non protagonista per Duvall, e ha vinto il premio per la miglior fotografia e il miglior suono. Si è classificato al 14 ° posto nel più grande sondaggio di Sight & Sound nel 2012, e al 6° posto nel sondaggio del regista dei più grandi film di tutti i tempi. Roger Ebert lo ha anche incluso nella sua top 10 dei migliori film di sempre nel 2012. Nel 2000 il film è stato selezionato per la conservazione nel National Film Registry dalla Library of Congress come “significativo dal punto di vista culturale, storico o estetico”.

Redux e Final Cut

Sono passati 41 anni da quando Apocalypse Now è arrivato per la prima volta nelle sale cinematografiche, e in occasione dell’anniversario Coppola è tornato di nuovo nella sua suite di montaggio. In poche parole, la sua valutazione era che aveva fatto troppe concessioni nella versione originale del film del 1979 e che la marcia del tempo aveva smussato parte del suo margine surreale. “Ciò che è considerato all’avanguardia in un momento, 20 anni dopo viene utilizzato per la carta da parati e diventa parte della cultura. Sembra che sia quello che è successo con Apocalypse”, afferma.

Apocalypse Now: Redux è una versione estesa del 2001 dell’epico film di guerra. Coppola, insieme al redattore/collaboratore di lunga data Walter Murch, ha aggiunto 49 minuti di materiale che era stato rimosso dal film originale. Rappresenta una significativa modifica della versione originale. l film contiene diverse modifiche e due scene completamente nuove. Ci sono anche alcune scene aggiuntive con il colonnello Kurtz.

La storia del capitano Benjamin L. Willard (Martin Sheen) e del suo surreale e da incubo viaggio in barca in Cambogia per assassinare il folle colonnello Kurtz (Marlon Brando) rimane sostanzialmente lo stesso. Più breve della maratona Apocalypse Now: Redux ma più sostanziale della versione teatrale del 1979, Final Cut rappresenta, nella mente di Coppola, la versione di Apocalypse che serve meglio la visione del regista .

“La giusta miscela per far nascere l’illusione più piacevole”, come ha affermato lo stesso Coppola quando si è seduto per un Q&A con Collider.

Apocalypse Now non è un film anti-guerra

Nell’agosto del 2019 Coppola disse al The Guardian che riteneva di avere in qualche modo superato la versione redux del 2001, che ha aggiunto 49 minuti al tempo di esecuzione originale di due ore e 33 minuti. Ora ha tagliato circa 14 minuti per arrivare finalmente al suo ideale, che sostiene sia la più chiara spiegazione dell’esame del film sulla moralità umana. “Sento davvero che questa versione di Apocalypse Now raggiunge più di quello che quel tema ha da offrire rispetto a qualsiasi versione precedente”, afferma. Il risultato è un esame selvaggio e cupamente comico dell’assurdità e dei doppi standard di guerra.

Coppola esita a definire il film “anti-guerra”. “Nessuno vuole fare un film pro-guerra, tutti vogliono fare un film contro la guerra”, dice. “Ma un film contro la guerra, ho sempre pensato, dovrebbe essere di pieno di amore, pace, tranquillità e felicità. Non dovrebbe avere sequenze di violenza che ispirano una brama di violenza. Un film contro la guerra non può glorificare la guerra, e probabilmente Apocalypse Now lo fa.”

Gli viene chiesto se si sente in colpa. “No”, dice. “Non mi sento in colpa, perché conosco il mio ruolo nell’intero processo.”

Il punto di forza del film

Apocalypse Now trova il suo trionfo nel riaffermare la disumanità dell’Impero. Il colonnello Kurtz trova intensamente piacevole, persino estatico, sentirsi superiore ai popoli soggiogati. Ha trasceso la civiltà bianca, ma anche se ha lasciato alle spalle con disprezzo la sua precedente identità, sente quanto sia desolata e futile la sua esistenza come uomo e come dio.

apocalypse now
Marlon Brando in una scena del film

Il carisma di Brando vende le scene climatiche con Willard; la sua aria sussurrata e inconfondibile dà sempre un colpo nauseabondo. Sheen, è forte e carismatico come Willard, diventando più affascinato e sbalordito dalla reputazione di Kurtz quanto più si avvicina alla sua cava.

Il finale perfetto

La storia narra che Francis Ford Coppola non avesse un finale per il film. Alla fine del film, quando Willard arriva finalmente al complesso di Kurtz, scopre che il colonnello è impazzito e si vede come un “dio”, dominando gli occupanti indigeni in quella parte della giungla.

Nel presentare questa conclusione, il film mostra che Willard ha lasciato un inferno per un altro: l’inferno della guerra per l’inferno della psiche umana torturata.

Lo stesso Kurtz ha fatto i conti con il fatto che Willard è lì per ucciderlo, e in effetti lo accoglie, poiché sa che vivrà a Willard e alla fine arriverà alla divinità che desidera. Ciò è dimostrato quando Willard lascia il ‘tugurio’ di Kurtz dopo l’uccisione e lascia cadere la sua arma, rinunciando al suo legame con la violenza e diventando il nuovo dio per la gente del posto.

apocalypse now
Il graffito sul set, che riporta il titolo Apocalypse Now. È l’unico momento in cui si legge il titolo della film all’interno della pellicola

Secondo Wikipedia:

Quando Coppola inizialmente organizzò la fine del film, aveva due scelte. Uno coinvolgeva Willard che guidava Lance per mano, mentre tutti nella base di Kurtz lanciavano le loro armi, e termina con le immagini della barca di Willard che si allontana dal complesso di Kurtz sovrapposto alla faccia di un idolo di pietra che poi sfuma nel nero. Un’altra opzione mostrava un attacco aereo e la base che viene fatta a pezzi in un display spettacolare, uccidendo di conseguenza tutti quelli rimasti all’interno di essa.

L’originale uscita teatrale del 1979 di 70 mm si concluse con la barca di Willard, la statua di pietra, per poi sfumare in nero senza crediti, salvo “Copyright 1979 Omni Zoetrope” subito dopo la fine del film.

Il finale originale della sceneggiatura di Milius ha fatto sì che le forze del Vietnam del Nord attaccassero Kurtz e i suoi seguaci in una gigantesca battaglia climatica, ma Coppola lo accantonò perché sentiva che non si adattava al film che stava girando.

Invece, in seguito al consiglio dell’amico Dennis Jakob e dell’attore Dennis Hopper, decide di creare un finale più mitico dei concetti di morte e rinascita. Usando la storia del Re Pescatore trovata in libri come The Golden Bough e From Ritual to Romance e la poesia di T.S. Eliot (tutto ciò può essere visto in possesso di Kurtz nel film), Coppola ha escogitato un nuovo finale in cui Willard avrebbe ucciso Kurtz e apparentemente sarebbe diventato il nuovo re dei suoi seguaci.

Kurtz, il re-sacerdote frazeriano

Il monologo finale è chiaro su questo: Kurtz è una vittima dell’orrore che ha assimilato. L’orrore, come ripete Kurtz nella sua morte, è che non finisce mai. 

Kurz crede di non poter morire, ma vuole morire. La vaga espressione di stupito terrore davanti al machete lo conferma: il cuore esausto di Kurtz non solo accetta la morte, ma la invoca. Eppure, al limite del vuoto, la sua anima mostra per alcuni istanti i segni di un terrore tipicamente umano che, anche se immediatamente represso dall’autocontrollo, vuole mostrarci l’uomo Kurtz, almeno per un momento.

L’abisso Nietzscheano: la morte di Dio

“Chi lotta con i mostri deve guardarsi di non diventare, così facendo, un mostro. E se tu scruterai a lungo in un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te”

La prospettiva dello spettatore è quella del folle. Vede le cose come vengono viste dai pazzi. Inoltre è necessario comprendere il contesto. Gli Stati Uniti hanno fallito in Vietnam. Non avevano un obiettivo chiaro ed erano persino in conflitto con se stessi. Vinsero praticamente ogni battaglia, ma non riuscirono a realizzare nulla e alla fine fecero rientrare in patria le truppe. 

Nel film, il colonnello della cavalleria aerea che amava l’odore del napalm al mattino dimostra accuratamente la follia Americana.

Kurtz è considerato come l’uomo che ha capito come vincere. Tramite obiettivi precisi e forza riesce a sopportare l’orrore della guerra, ma viene frenato dai suoi superiori e non gli è stato permesso di continuare perché non rispetta l’idea di “combattere una guerra etica”.

apocalypse now
Martin Sheen in una scena del film

Kurtz cerca di raggiungere il Capitano Willard per mostrargli la vera follia. Willard comprende la verità, ma sceglie di uccidere Kurtz e rimanere nel folle mondo che lo circonda piuttosto che essere emarginato.

The horror! The horror!

La missione e la morte di Kurtz coincidono. Nella dissoluzione della legge morale a favore di un ego individuale e onnipotente, il colonnello Kurtz abbandona l’ordine terreno e si protende verso il divino, sicuro di essere al di là del bene e del male. Ucciso nel tempio, dal capitano Willard, è in realtà vittima di una volontà superiore. La sua morte ha la sacralità di un sacrificio pagano. Kurtz vuole essere ucciso. 

Non vuole semplicemente morire (è già gravemente malato), ma essere ucciso. La follia del colonnello deriva dal suo essere oltre la moralità e rappresenta la sua conseguenza: Kurtz è il figlio dell’orrore della guerra e la sua risposta è la lucida follia che manifesta. L’unico modo per sfuggire all’orrore è l’orrore stesso. Kurtz deve permettere all’orrore di sopravvivere dopo di lui, deve morire nell’orrore perché ora esso è diventato la sua legge. La sua missione.

Dopo tutto, Kurtz è innocente in relazione alla sua legge.

 

saeturnus

Saeturnus

Read, eat, travel, movies, sleep, repeat.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: