Esplorando Runeterra: Le origini di un mondo (Parte I°)

Esplorando Runeterra: Le origini di un mondo (Parte I°)

Settembre 29, 2020 1 Di thenerd

Nel 2009, dalle menti di un gruppo di ex-lavoratori di World of Warcraft, i futuri fondatori della RIOT Games, nacque League of Legends, un MOBA strategico diventato popolare in pochissimo tempo. La “lore” del gioco fu subito pensata per venir incontro alle sue meccaniche, spiegando come mai diversi personaggi si ritrovano a combattere nella Landa degli Evocatori.
Sono interessanti anche gli eventi storici che hanno determinato le vicende di questo continente chiamato Runeterra.

La geografia del territorio

Runeterra

Partiamo con qualche nozione geografica: Runeterra è il nome del pianeta, un mondo con un’alta presenza di magia. Valoran è il continente su cui si svolgono le vicende, è un isolotto sferico con tre catene montuose e tre arcipelaghi intorno.
Al centro di Valoran ci sono le due principali protagoniste, Demacia e Noxus, la prima è una città fondata sulla giustizia e l’onore, la seconda sulla forza e la conquista. Saranno proprio le guerre tra queste due città con i loro rispettivi alleati a cambiare la storia di Runeterra per sempre.

Guerre delle Rune e l’Istituto della Guerra

Runeterra

Tutto iniziò con una disastrosa e terrificante guerra, la così detta Quinta Guerra delle Rune. Essa fu combattuta con magie potentissime che misero in ginocchio intere nazioni. L’orrore di tale conflitto portò a cercare una soluzione alternativa ai normali combattimenti e nacque l’Istituto della Guerra che stillò una lista dei guerrieri e guerriere più potenti di Runeterra.
In pratica appena nasceva una discussione politica o un conflitto militare un gruppo di Evocatori convocava nella Landa degli Evocatori, una foresta magica messa a disposizione dall’Istituto della Guerra, un eroe leggendario a sua scelta e, con un rapporto quasi simbiotico, lo indirizza con le sue scelte verso il combattimento.

Quasi tutte le nazioni di Valoran aderirono all’istante, tranne Ionia per via della loro “chiusura culturale”. Questa titubanza permise a Noxus di giocare d’astuzia e, grazie all’aiuto di Bilgewater e Zaun, invase Ionia. Infatti l’isola, dal carattere prettamente orientale, non facendo parte degli accordi dell’Istituto della Guerra non poteva essere tutelata dalle sue regole e quindi le altre nazioni non potevano intervenire direttamente nel conflitto. Per risolvere la situazione Ionia decise di entrare negli accordi dell’Istituto della Guerra impedendo così a Noxus di continuare il conflitto.
Il primo Alto Consigliere a gestire l’Istituto della Guerra fu Reginald Ashram che stillò la lista della Lega delle Leggende, dove comparì come prima scelta il nome di Jax. Con il passare del tempo la lista si ingrossò di eroi e di mostri, infatti l’Istituto fungeva anche da prigione e gli esseri più pericolosi venivano rinchiusi per esser usati nella Landa. Si susseguì anche l’ambita carica di Alto Consigliere, dopo la misteriosa scomparsa di Ashram la nomina passò a Heywan Relivash, ma a causa di una condotta scandalosa fu cacciato e poi arrestato, infine il titolo passò a Vessaria Kolminye.

Gli Eventi

Runeterra

Vorrei prendere la libertà di poter coniare due termini, “evento attivo” e “evento passivo”.
In League of Legends non mancano casi di fatti storici o di cronaca che aggiornano la lore, ma solo alcuni di questi influiscono nel gioco per un breve periodo.  Per farvi un paio di esempi, Kassadin e Malazhar finirono sulla bocca di tutti per aver fatto una rissa proprio fuori dall’Istituto della Guerra, questo è un evento passivo, quello che è successo è solo scritto, ben diversi sono gli eventi attivi.
Quando Noxus invase Ionia ci fu un incontro tra due squadre di giocatori, una rappresentava i difensori Ioniani, l’altra gli invasori Noxiani. Questo scontro, conclusosi con la vittoria di Ionia, decise anche le sorti dell’Isola.  Un altro evento attivo è l’episodio di Jax, che dopo aver litigato con l’Alto Consigliere Relivash che lo accusava di barare gli incontri (deteneva il più alto record di vittorie di seguito, visto che era rimasto imbattuto già dal primo giorno fu iscritto alla Lega) fu cacciato via ed effettivamente per un breve periodo il personaggio fu disabilitato.

La fine di un mondo e l’alba di uno nuovo

Runeterra

Questo tipo di visione rendeva bene il ruolo del giocatore di LoL, che sotto forma di Evocatore giocava le partite che in realtà erano i combattimenti tenuti sotto controllo dell’Istituto della Guerra. Tuttavia a lungo andare questo metodo di fondere la “Lore” del gioco con il suo stesso “gameplay”, che quasi rompe la quarta parete, iniziò a vacillare. Era sempre più difficile spiegare perché un tale personaggio si presentasse all’Istituto della Guerra per esser messo dentro la Lega delle Leggende, nel 2014 erano usciti campioni come Gnar, un analfabeta che neanche è a conoscenza del suo potere, e Azir, l’Imperatore Asceso di Shurima; personaggi che di sicuro non si presenterebbero negli uffici dell’Istituto per iscriversi firmando un documento.
Purtroppo la storia dell’Istituto della Guerra aveva funzionato bene per un certo periodo, ma poi è invecchiata male di colpo. Questo collegamento tra l’universo di Runeterra e il gioco stesso era troppo stretto, quasi, a mio avviso, imbarazzante e per certi versi anche limitante.
Perciò la RIOT Games decise di osare e con la patch del 2014 tutto il mondo di Runeterra cambiò radicalmente. Fu un rework totale, non più una modifica di un pezzo alla volta, cambiarono la storia dei personaggi, cambiarono le fazioni, cambiò persino il continente stesso.
Le cose che funzionavano vennero tenute, quelle che avevano meno senso o davano problemi furono eliminate, dalle proprie ceneri era emersa una nuova Runeterra, ma questa è un’altra storia…

Vi ricordo che potete leggere altri LoL’s Secret qui.

Belharza