Noragami (ovvero letteralmente “dio randagio”) è un anime che racconta le vicende di un dio quasi sconosciuto nel mondo degli umani, Yato.

Noragami

Noragami

Yato infatti è ossessionato dal diventare un dio popolare e, per questo motivo, è disposto a svolgere qualsiasi compito gli venga affidato dagli umani. La sua vita, quindi, consiste nello svolgimento di questi compiti, anche se cambierà nel momento in cui una ragazza di nome Hiyori farà la sua comparsa. È composto da due stagioni (Noragami e Noragami Aragoto) e due OVA relativi a essi. Le due stagione hanno rispettivamente 12 e 13 episodi di 24 minuti l’uno.

I  personaggi sono caratterizzati bene, e qui voglio citare Yato. Nonostante l’apparenza scapestrata, “sfigata” e da pallone gonfiato, il Dio ci è mostrato sotto una luce estremamente ambigua su ogni lato, segno che egli si trascina dietro il suo passato sanguinario. Personaggi antagonisti come Nora, poi, ci evidenziano che Yato ha diversi scheletri nell’armadio. Un altro personaggio che voglio citare è Yukine, lo Strumento Divino che Yato forgia, il quale rappresenta l’adolescente ribelle e ottuso con problemi di comunicazione, la cui maturazione ci è mostrata in maniera efficace. Altro plauso va a Hiyori, ragazza forte e altruista, e a Bishamon, la quale è assetata di vendetta nei confronti di Yato.

Noragami_ Yato

Queste crescite interiori dei personaggi e le loro varie caratteristiche ci portano ad avere momenti divertentissimi ad altri drammatici come combattimenti e rivalutazioni interiori.

Commento tecnico

La grafica risulta particolarmente piacevole. L’abbinamento di colori vividi con colori pastello è resa parecchio gradevole all’occhio dello spettatore. I disegni risultano molto ben curati anche se semplici, in particolare certi dettagli dei personaggi come gli occhi di Yato, i quali sono realizzati in modo non troppo articolato, ma riescono ad essere comunque penetranti e magneti (a mio avviso si possono classificare in alcuni degli occhi più belli e d’impatto nel mondo anime)

l’intro e l’ending sono fatte bene, ma non sono qualcosa di memorabile (le intro, a mio parere, sono quelle fatte meglio), mentre gli effetti sonori delle scene di combattimento oppure il doppiaggio sono qualcosa di meraviglioso, tra i doppiatori vi sono due voci davvero note ossia Hiroshi Kamiya per quanto riguarda Yato (Levi ne L’attacco dei giganti, Trafalagar Law in One Piece) e Yuki Kaji (Eren ne L’attacco dei giganti, Todoroki in MHA, Meliodas in SDS)

Il mio voto è 9 e la consiglio assolutamente, di fatti Noragami è uno dei miei anime del cuore. Mi sono affezionata immediatamente ai personaggi e alle loro storie e rapporti. Yato mi ha rubato tanti sorrisi e lacrime dimostrandosi un personaggio davvero completo, un divertente dio scapestrato quanto un amorevole amico e un potente guerriero. Mi è dispiaciuto moltissimo che si sia fermato solo a due stagione avrebbe meritato davvero di più. Potete vedere la prima stagione di Noragami su Netflix ed entrambe su VVVVID sottotitolate.

-Ellie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: