Captain Fantastic è una commedia drammatica del 2016, scritta e diretta da Matt Ross. Il film è stato presentato in anteprima il 23 gennaio al Sundance Film Festival 2016, ed è stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane il 7 dicembre da Good Films.

La storia di Captain Fantastic

La storia è incentrata su una famiglia costretta dalle circostanze a reintegrarsi nella società dopo aver vissuto in isolamento per un decennio. Ben Cash (Viggo Mortensen) dedica la sua esistenza alla crescita dei suoi figli nelle zone rurali di Washington. Vivono in una specie di yurta, cacciano e coltivano tutto il loro cibo e celebrano il compleanno di Noam Chomsky come se fosse Natale.

Vivono in un complesso ben fornito, sopravvivendo senza elettricità, una linea di fognatura o telefoni cellulari. Le loro vite sono ritmiche con l’allenamento quotidiano per il corpo, compresa la caccia e l’arrampicata su roccia; istruzione a casa e lettura approfondita della letteratura classica delle arti e delle scienze e insegna rigorosamente sia a memorizzare che a pensare in modo critico. Passano la sera attorno al fuoco con musica e canzoni.

La vita secondo Captain Fantastic

Nonostante l’addestramento e la disciplina quasi militari che impone ai bambini, predica una dottrina non di rivoluzione violenta ma di semplice fiducia in sé stessi. Gli insegna a rifiutare totalmente le premesse e il funzionamento della società moderna: rifiuta la religione organizzata, il consumismo, il moralismo, la cultura pop, il cibo da supermercato, il cibo da tavola e i compromessi della grande e falsa politica. Ben è anche estremamente franco con i suoi figli riguardo al sesso, al piacere e al non provare vergogna o paura della sessualità o della nudità.

 

captain fantastic _movieanniversary

La madre Leslie soffre di disturbo bipolare ed è ricoverata in un ospedale vicino alla sontuosa casa dei suoi ricchi genitori Abigail (Ann Dowd) e Jack (Frank Langella). Quando Leslie si suicida, i suoi genitori organizzano un funerale tradizionale, contro i desideri espressi della defunta. Il padre Jack, che incolpa Ben per i problemi di Leslie, non gli permetterà di partecipare al servizio in chiesa. Ben invece si organizza con i bambini per un viaggio a bordo del loro autobus (che si chiama Steve) per arrestare il funerale.

Ben deve quindi portare la sua famiglia nel mondo esterno per la prima volta.

L’esperienza di vita del regista

L’idea del film è iniziata per Matt Ross quando ha iniziato a mettere in discussione le scelte che lui e sua moglie stavano facendo come genitori. Da lì si chiedeva cosa sarebbe successo se fosse stato “completamente presente” nella vita dei suoi figli, osservando che la tecnologia moderna lo aveva reso difficile. Nel girare il film Ross ha anche preso pezzi autobiografici della sua stessa vita, in particolare essendo cresciuto in quelle che definisce “comunità di vita alternativa” che crescono.

Una famiglia diversa

Captain Fantastic è un film sincero, un po’ comico e un po’ triste. Si interroga su cosa significhi essere genitore e quali valori siano importanti in una famiglia. Fa un’attenta analisi in merito al costo dell’idealismo e si domanda fino a che punto una persona deve spingersi per vivere una vita autentica.

Per quelli come noi che nella società ci vivono, possono notare una cosa piuttosto ovvia: nei suoi sforzi per avvicinare i suoi figli al “mondo reale”, Ben non sta preparando i suoi figli per il mondo in cui viviamo. Ben è un padre che combatte per ciò che crede sia giusto per sé stesso, i suoi figli e il mondo in cui, dopotutto, anche lui vive.

captain fantastic _movieanniversary

Al centro di questo film c’è l’atteggiamento intransigente di Ben verso le sue convinzioni non convenzionali. La trama è un intreccio ben costruito tra il rifiuto personale di Ben negli eventi della morte di sua moglie e il rifiuto di accettare le norme della società esterna.

Formazione narrativa

Ciò che rende Captain Fantastic così affascinante è che costringe il pubblico a porsi una domanda molto profonda: qual è il mondo reale? È il mondo della natura, di Ben? O è il mondo in cui la maggior parte di noi vive, tra multinazionali, supermercati e auto?

Quando la moglie Leslie si suicida, la famiglia deve affrontare la vita nella società tanto disprezzata da Ben e ritornare a scontrarsi con la sua famiglia. Ben e i suoi figli saranno partecipi di momenti molto imbarazzanti nelle interazioni con le “persone normali”, e i familiari allargati che non comprendono o disapprovano del tutto il modo in cui Ben ha cresciuto i suoi figli.

Un viaggio inaspettato

Tra vari problemi famigliari (le accuse di Jack a Ben che culminano con la richiesta della custodia legale dei sei ragazzi) Bo, il più grande dei figli di Ben e Leslie, (interpretato da George MacKay) è un ragazzo molto intelligente ed educato, che vorrebbe segretamente frequentare una delle molte scuole della Ivy League in cui è stato accettato.

captain fantastic _movieanniversary

È lui il primo a rendersi conto di essere intelligente ma completamente asociale, incapace di interagire o capire come comportarsi con le altre persone. Sa cosa legge nei libri, ma è completamente impreparato per il mondo.

Il viaggio è una svolta anche per Rellian (Nicholas Hamilton) che si ribella a suo padre e decide di rimanere con i nonni nella loro dimora. Queste svolte inaspettate costringono Ben a ripensare al modello educativo autorevole e di controllo che impartisce ai suoi figli. Alla fine, concepisce un nuovo inizio per la sua famiglia. Una sintesi tra i suoi ideali e quelli della società moderna per portare pace e risoluzione nelle loro vite travagliate.

Quindi quale è la vita reale?

Captain Fantastic non lo specifica. Resta neutro tra le visioni dei protagonisti.

Il film è mostrato attraverso gli occhi di Ben, che vede l’assurdità della società. O la si può vedere attraverso gli occhi dei genitori di Leslie, che nella società ci vivono e al contrario accusano Ben di aver allontanato la figlia da una vita normale e dei suoi problemi di salute e di non aver rapporto con i nipoti.

Il film solleva interrogativi sulle priorità delle famiglie moderne e su come le scelte di base possono influenzare i valori e l’impegno dei bambini con il mondo.

Premi e riconoscimenti

Captain Fantastic ha ricevuto una standing ovation di dieci minuti a Cannes.

Alonso Duralde di TheWrap ha dato una recensione positiva al film, dicendo “Il film appartiene davvero a Mortensen, che permette a Ben di essere esasperante, arrogante e impaziente ma anche caloroso, amorevole e premuroso. È un padre duro ma adorante, un vedovo addolorato e un appassionato difensore degli ultimi desideri di sua moglie, e Mortensen suona tutte queste note e altro con sottigliezza e grazia”.

È stato scelto dal National Board of Review come uno dei primi dieci film indipendenti del 2016 e Mortensen è stato nominato per il Golden Globe, il BAFTA Award, e l’Oscar come miglior attore.

captain fantastic _movieanniversary

Narrazione commovente e brillante

Captain Fantastic ha una trama potente, perspicace e toccante. Viggo Mortensen porta sullo schermo un ruolo iconico, l’attore si riconferma camaleontico e molto dotato. I bambini (anche i più piccoli) condiscono con emozione genuina il film che si rivela, alla fine, una piccola perla.

 

saeturnus

Saeturnus

Read, eat, travel, movies, sleep, repeat.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: