La terza stagione della serie AHS si intitola American Horror Story: Coven. È stata trasmessa in prima visione negli Stati Uniti d’America sul canale via cavo FX dal 9 ottobre 2013 al 29 gennaio 2014. In Italia, la stagione è andata in onda in prima visione su Fox dal 14 gennaio all’8 aprile 2014.

Quale tema migliore se non incentrare la storia su delle streghe? New Orleans… la nuova location di American Horror Story, è una villa situata nella Louisiana contemporanea. Come abbiamo già imparato dalle due stagioni precedenti, sono presenti svariati salti temporali e flashback. Questi giungono fino all’epoca dei processi alle streghe di Salem provando anche ad offrire una verità storica alternativa. Come nelle edizioni passate, l’intreccio narrativo si prende delle ampie libertà di variazione che non di rado conducono alla messa in scena dell’assurdo. Sotto questo punto di vista gli autori, sono rimasti fedeli a sé stessi.

4c61abb90260a9abfef34a4d356c6f5b

Trama di American Horror Story: Coven

Dopo i fantasmi della prima serie (Murder House) e i pazzi della seconda (Asylum) si giunge all’ “Accademia per ragazze con poteri speciali“, un collegio per giovani future streghe. Qui non solo i loro poteri magici vengono rafforzati ed esercitati, ma si va alla ricerca della nuova Suprema. Essa dovrebbe portare nuove energie ad una congrega ridotta in fase di indebolimento da forze esterne. Jessica Lange – che vi ricordo aver ricevuto anche per questa stagione la nomination al Golden Globe – interpreta Fiona, la dominante Suprema ancora in carica. Purtroppo si sente tradita e minacciata dalle sue stesse allieve, oltre che a soffrire di cancro. L’atteggiamento verso sua figlia Cordelia (Sarah Paulson) è caratterizzato da invidia e gelosia. Il conflitto con la strega immortale voodoo Marie Laveau (un ritorno in grande stile per Angela Bassett) è giunto al capolinea. Anche con il concilio delle Streghe guidato da Myrtle Snow (una grande Frances Conroy), Fiona è sul piede di guerra. Non perde occasione per ostacolare nella sua successione, alla quale non è candidata solo sua figlia. Difatti anche Madison (Emma Roberts) e Zoe (Taissa Farmiga) sarebbero perfette future Supreme così come Queenie (Gabourey Sidibe) e Nan (Jamie Brewer).

Non solo streghe

Ecco che compaiono zombie, improvvisamente usciti dalle loro tombe la notte di Halloween. Ecco che entrano in scena le anime morte, una su tutte quella appartenuta all’Uomo con l’Accetta (Danny Huston). Egli non solo è in grado di vagare tra passato e presente, ma sarà colui che cambierà il destino di Fiona. A lui si aggiungono uno schiavo (Ameer Baraka) con la testa da toro, una strega hippie (la meravigliosa Lily Rabe) in grado di resuscitare i defunti e una specie di Frankenstein (Evan Peters). Il tutto è condito da magia nera, profezie maledette e visioni drammatiche: il make-up è davvero ben fatto, per essere una serie Tv. Tornando alla ricerca della nuova Suprema, le prescelte dovranno esibirsi nelle Sette Meraviglie. Qui compaiono diverse analogie tra la caccia alle streghe e lo schiavismo. Di questo filone della trama è protagonista l’immensa Kathy Bates, nel ruolo di una strega immortale razzista attiva nella metà dell’Ottocento. Il tema centrale credo si sia capito: è quello della donna/strega, a cui ciascuno potrà dare il significato che preferisce. Potrebbe trattarsi della donna visionaria, cattiva, puttana, innamorata o vendicativa, ma una cosa è certa: gli uomini avranno sempre la peggio. Difatti il futuro è femmina.

Cosa ne pensate? È stata all’altezza delle prime due? Fatecelo sapere! Per ora un saluto, Shadow!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: