Mank è un film drammatico e biografico del 2020 sullo sceneggiatore Herman J. Mankiewicz e sul suo sviluppo della sceneggiatura di Citizen Kane (1941). Il film è diretto da David Fincher, basato su una sceneggiatura del suo defunto padre Jack Fincher.

Il film è disponibile per la visione su Netflix.

La storia della sceneggiatura

Il padre di David Fincher, Jack Fincher, ha scritto la sceneggiatura negli anni ’90, e David inizialmente intendeva filmarla dopo aver completato The Game (1997), film con Kevin Spacey e Jodie Foster come protagonisti. Purtroppo non si è mai realizzato e Jack Fincher è morto nel 2003. Alla fine, il progetto è stato annunciato ufficialmente nel luglio 2019 e le riprese, per rendere omaggio ai film degli anni ’30, sono state girato in bianco e nero.

Di cosa parla Mank?

Con Fincher, ci immergiamo con un senso di nostalgia per la vecchia Hollywood che non sembra amorevole come è sempre stata proiettata sugli schermi, ma piuttosto cinica e dispettosa, proprio come il suo personaggio principale. Gary Oldman si trasforma in un’altra brillante interpretazione: è solo il primo motivo principale per guardare il film. Assolutamente brillante.

Motivo numero due, la splendida cinematografia e illuminazione del film, a cura di Erik Messerschmidt. Un film incentrato sull’età dell’oro di Hollywood. Così elegante, eppure di grande attualità, rassicurato dal magnifico lavoro dietro la macchina da presa e l’atmosfera offerta agli spettatori è impeccabile.

Terzo motivo, l’attinenza ai dettagli: come il lavoro audio di prim’ordine nel film, che suona molto echeggiante e si adatta al periodo in cui è ambientato. 

La storia del film

Il soggetto di Fincher è, in generale, la genesi della prima bozza della sceneggiatura, American, di Citizen Kane. Essa sarà la base del primo lungometraggio di Orson Welles. Nel complesso, il film dà l’impressione di concentrarsi maggiormente sullo sceneggiatore stesso, Mankiewicz, sulle difficoltà in continua evoluzione che Hollywood ha dovuto affrontare negli anni ’30 e piuttosto parla del motivo per cui egli ha scritto Citizen Kane – quali esperienze lo hanno ispirato a scriverlo ed erano essenziali per esso, e perché era l’unica persona che avrebbe potuto farlo.

L’autore dello scritto è infatti Herman Mankiewicz (interpretato da Gary Oldman), un veterano di studio con una gamba rotta e un problema con l’alcol. Il film si concentra sulla prospettiva dello stesso Mankiewicz, che è un alcolizzato inaffidabile e giocatore d’azzardo, apprezzato per la sua lingua tagliente e il suo cuore tenero, e che di conseguenza spesso confonde il confine tra ciò che è vero e non lo è.

L’uomo arriva alla realizzazione dello scritto mentre è rinchiuso in una remota guesthouse nel deserto, assistito da una fisioterapista tedesca (interpretata da Monika Gossmann) e da una amanuense britannica (interpretata da Lily Collins). Il film ruota attorno allo sviluppo della sua sceneggiatura negli eventi e nelle circostanze durante quel periodo, infastidito dal produttore John Houseman (interpretato da Sam Troughton). 

Risposta critica

Le interpretazioni di Gary Oldman e Amanda Seyfried hanno ottenuto il plauso della critica ed entrambi hanno ricevuto nomination all’Oscar rispettivamente come miglior attore e migliore attrice non protagonista.

Mank: David Fincher Showcases Gary Oldman and Amanda Seyfried | IndieWire

In generale, il film ha ricevuto “recensioni generalmente favorevoli”. Il sito web dell’aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes riporta che l’83% delle 322 recensioni dei critici è stato positivo, con una valutazione media di 7,6 / 10.

Il consenso dei critici del sito recita: “Scritto in modo nitido e interpretato in modo brillante, Mank scruta dietro le quinte di Citizen Kane per raccontare una vecchia storia di Hollywood che potrebbe diventare un classico a pieno titolo.”

Mank è apparso in 50 elenchi dei primi 10 di fine anno della critica, tra cui quattro primi posti e cinque secondi posti. (via Wikipedia)

La personale visione di Hollywood

È estremamente affascinante la sua visione della Hollywood classica, personale e appassionatamente conflittuale. Fincher ha creato un film provocatorio e acuto. Tutto ciò che accade sullo schermo sembra secondario rispetto a ciò che rivela attraverso la regia, della sua visione dell’arte dei film, agli affari che ruotano attorno.

Sarebbe stato meraviglioso vederlo su un grande schermo, ma è comunque un film tecnicamente brillante, affascinante ed estremamente ambizioso.

saeturnus

Saeturnus

Read, eat, travel, movies, sleep, repeat.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: