In questo editoriale di aprile 2021 parleremo di 2001: Odissea nello spazio, un film di fantascienza del 1968 prodotto e diretto da Stanley Kubrick. La sceneggiatura è di Kubrick e Arthur C. Clarke, ed è stata ispirata dal racconto breve di Clarke del 1951 The Sentinel e da altri racconti di Clarke.

Il film è noto per la sua rappresentazione scientificamente accurata del volo spaziale, effetti speciali pionieristici e immagini ambigue. Kubrick ha evitato le tecniche cinematografiche e narrative convenzionali; i dialoghi sono usati con parsimonia e ci sono lunghe sequenze accompagnate solo dalla musica. La colonna sonora incorpora numerose opere di musica classica, di compositori tra cui Richard Strauss, Johann Strauss II, Aram Khachaturian e György Ligeti. Il film è stato un enorme balzo in avanti sia nel cinema che nella rappresentazione di soggetti come il volo spaziale e l’evoluzione umana.

The Sentinel

Kubrick coinvolge Arthur C. Clarke sia nella scrittura della sceneggiatura, usando la sua storia The Sentinel, un racconto di fantascienza dell’autore britannico. Lo scrive nel 1948 per un concorso della BBC, pubblicato per la prima volta sulla rivista 10 Story Fantasy nel numero della primavera del 1951, con il titolo Sentinel of Eternity. Successivamente lo pubblica come parte delle raccolte di racconti Expedition to Earth (1953), The Nine Billion Names of God (1967) e The Lost Worlds del 2001 (1972). Nonostante il fallimento iniziale della storia, ha cambiato il corso della carriera di Clarke.

Roger Caras, pubblicitario della Columbia e amico di Kubrick, gli consigliò di contattarlo per una chiacchierata informale. Si incontrano per la prima volta al noto ristorante di Manhattan Trader Vic’s a New York il 22 aprile 1964, e discutono progetto. La collaborazione sarebbe proseguita per i successivi quattro anni della loro vita. Clarke tiene un diario per tutto il tempo del suo coinvolgimento nella sceneggiatura, i cui estratti sono poi pubblicati nel 1972 come The Lost Worlds of 2001.

I temi di 2001 Odissea nello Spazio

Il film tenta abbracciano il tempo e lo spazio raccontando l’intera storia dell’evoluzione dell’umanità ed esplorare anche idee come il posto dell’uomo nell’universo, l’intelligenza artificiale che nel film personificata da HAL 9000 e il progresso tecnologico.

2001: a space odissey
Stanley Kubrick e Arthur C. Clarke

Il punto di vista di Clarke era evidente in gran parte del suo lavoro, sebbene Kubrick fosse profondamente cinico riguardo all’umanità. La prospettiva del regista è evidente anche nel film ma la visione di Clarke alla fine vince, mostrando l’umanità che raggiunge le stelle, trascende la nostra forma attuale di esistenza e viene apparentemente ritenuta idonea per ascendere alla fase successiva dell’evoluzione.

Il film è anche descritto come un’allegoria del concepimento, della nascita e della morte umana. In parte, questo può essere visto attraverso i momenti finali del film, che sono definiti dall’immagine del bambino stella, un feto in utero che attinge al lavoro di Lennart Nilsson.

Una rappresentazione che ha fatto la storia

Fino ai primi anni ’60, la fantascienza scritta era considerata un genere pulp relegato alle riviste e ai tascabili economici. Arthur C. Clarke ribaltò la situazione con opere come Childhood’s End, The City and the Stars e Earthlight. Inoltre fino al rilascio del film, la maggior parte dei film di fantascienza ritraeva gli extraterrestri come intrusi e invasori da combattere. Kubick introduce un’intelligenza aliena enormemente superiore alla nostra, e non li rappresenta come esseri malevoli, ma come guida dell’umanità verso un livello di esistenza completamente superiore. 

L’odissea spaziale più realistica possibile

Kubrick evita fantasiose rappresentazioni dello spazio e si concentra su un film saldamente fondato sulla scienza. Cerca rappresentazioni più realistiche e accurate dei viaggi nello spazio: le sue navi scivolano silenziosamente nel vuoto dello spazio, e persino le esplosioni non generano alcun suono, dal momento che nulla di simile è possibile dove non c’è aria. 

I suoi set della stazione spaziale e della Discovery sono costruiti per simulare la rotazione necessaria per creare la gravità artificiale. Kubrick vuole usare il potere delle immagini per guidare la sua storia sopra ogni altra cosa. 

Envisioning 2001: A Space Odyssey, an exhibit at The Museum of Moving Image, NY

2001 Odissea nello Spazio ha notoriamente solo circa venti minuti di dialogo nel suo intero tempo di esecuzione. Il dialogo presente, è in gran parte banalità o un certo grado di esposizione. Elimina deliberatamente molte parole per lasciare che le immagini raccontassero la storia, e ci è chiaramente riuscito visto che siamo qui a parlarne oggi, 53 anni dopo. Kubrick crea un’esperienza surreale e spesso intenzionalmente enigmatica riducendo i dialoghi e lasciando deliberatamente molte scene del film aperte all’interpretazione.

L’uso innovativo della musica classica

Utilizza opere classiche come colonna sonora: The Blue Danube di Johann Strauss II per la sequenza di attracco spaziale e il movimento Sunrise da Also sprach Zarathustra di Richard Strauss per gli scatti iniziali del sole, della luna e della Terra, accantonando l’utilizzo tradizionale di musica originale. Le due opere catturano perfettamente gli stati d’animo che il regista vuole evocare. Questo spiana la strada l’uso di colonne sonore di ispirazione classica che sono seguite nel cinema di fantascienza, come in Star Wars e Incontri ravvicinati del terzo tipo (entrambi del 1977 di John Williams), alle emozionanti colonne sonore di Jerry Goldsmith e James Horner per Star Trek: The Motion Picture (1979) e Star Trek II: The Wrath of Khan (1982). 

Questo storico film influenzato decine di film e generazioni di registi nell’esplorare il genere al massimo delle sue potenzialità come mezzo di idee spesso strabilianti e sbalorditive mentre creava le immagini più meravigliose possibili.

No Merchandising. Editorial Use Only. No Book Cover Usage.Mandatory Credit: Photo by MGM/Stanley Kubrick Productions/Kobal/REX/Shutterstock (5886285ac)Keir Dullea2001 - A Space Odyssey - 1968Director: Stanley KubrickMGM/Stanley Kubrick ProductionsBRITAINScene StillScience FictionScifi2001, l'odyssée de l'espace

Il design futuristico

“Nemmeno un piede di questo film è stato realizzato con effetti speciali generati dal computer. Tutto ciò che vedi in questo film o che hai visto in questo film è stato fatto fisicamente o chimicamente, in un modo o nell’altro”.

Keir Dullea (2014)

Le riprese del film

Il film è stato girato quasi interamente agli Shepperton Studios e agli MGM-British Studios in Inghilterra. Sono stati costruiti enormi set per le location del film, tra cui una ruota panoramica rotante da 30 tonnellate destinata a rappresentare la gravità della Discovery.

L’unica ripresa esterna del film sul luogo era della scimmia Moon-Watcher (Dan Richter) che spaccava le ossa degli animali con la sua stessa arma ossea. Essa è stata girata su una piattaforma sopraelevata vicino allo studio in modo che Kubrick potesse avere un angolo basso dell’attore, lanciando l’osso in aria. La ripresa, che sarebbe stata la prima parte del famigerato abbinamento osso-astronave del film, è stata pensata durante le riprese dopo che Kubrick ha lanciato un manico di scopa a un membro della troupe prima di dirigere una ripresa.

Set rotanti

Per le riprese di scene che ritraggono gli interni dell’astronave Discovery ha utilizzato un set centrifuga:
Kubrick ha fatto costruire una ruota panoramica rotante da 30 tonnellate corte dal Vickers-Armstrong Engineering Group. Il set di 12 metri di diametro e 3,0 metri di larghezza (via Wikipedia). Varie scene della Discovery sono girate fissando i pezzi fissi all’interno della ruota, quindi ruotandola mentre l’attore camminava o correva in sincronia con il suo movimento, tenendolo in fondo alla ruota mentre girava. 

2001-gif ⋆ BYT // Brightest Young Things

La famosa sequenza finale dei fasci di luce (in inglese chiamata Stargate) è stata realizzata con una tecnica chiamata slit-scan, che consiste nel posizionare una fessura di scorrimento tra cinepresa e piano.

Regia

Le inquadrature all’inizio del film non sono altro che diapositive ad alta risoluzione proiettate con il sistema rivoluzionario (per l’epoca) del front projection, inventato dallo scrittore di fantascienza Murray Leinster. Questa tecnica innovativa, dopo essere stata brevettata il 20 dicembre 1955 da Leinster, venne impiegata per la prima volta proprio in 2001: Odissea nello spazio.

Unico effetto collaterale degno di nota sono gli occhi del ghepardo, che brillano in maniera inquietante a causa della luce del proiettore, anche se a Kubrick l’effetto non dispiacque, tant’è vero che lo definì un lieto incidente. (via Wikipedia)

Lo Star Gate

L’effetto speciale più famoso del film è forse la sequenza finale Star Gate, che è stata creata dall’artista degli effetti Douglas Trumbull utilizzando una tecnica chiamata fotografia con scansione a fessura.

Per ottenere i colori stravaganti che ritraggono Bowman in viaggio verso un’esistenza superiore, Trumbull  ha utilizzato due semplici lastre di vetro e una macchina fotografica su una pista dolly personalizzata. Ha posizionato una lastra di vetro statica in primo piano completamente oscurata, ad eccezione di una piccola fessura al centro, davanti alla telecamera. Un altro foglio statico sul retro del foglio oscurato presentava un pezzo di vetro con dipinti, disegni e motivi geometrici intercambiabili su di esso. Quindi ha spinto la telecamera avanti e indietro per, come ha spiegato Trumbull, “produrre due piani di esposizione apparentemente infiniti”, che sono stati modificati insieme per creare la sequenza.

Effetti a gravità zero

Gli effetti dall’aspetto realistico degli astronauti che fluttuano senza peso nello spazio e all’interno della navicella sono ottenuti sospendendo gli attori dai fili attaccati alla parte superiore del set e posizionando la telecamera sotto di loro. I corpi degli attori hanno bloccato la visuale dei fili della telecamera e sembravano galleggiare.

L’ispirazione dal corto animato canadese del 1960

La più grande ispirazione del regista fu Universe, un documentario animato di 28 minuti nominato all’Oscar del 1960. Realizzato dal National Film Board of Canada, doveva essere uno sguardo impressionante su come sarebbe navigare nello spazio oltre la Via Lattea.

Kubrick ha assunto Douglas Rain, il narratore di Universe, per essere la voce del malvagio computer HAL 9000. Ha anche assunto l’artista degli effetti ottici di Universe Wally Gentleman per realizzare effetti speciali del film.

“With a little help from”… Carl Sagan

Uno dei maggiori problemi che Kubrick ha avuto durante lo sviluppo del film è stato come rappresentare queste forme di vita extraterrestri. Doveva fare in modo che si adattasse alle sue idee astratte, ma anche coperto dal budget del film. Così ha chiesto aiuto al noto astrofisico/autore Carl Sagan.

Nel suo libro The Cosmic Connection: An Extraterrestrial Perspective, Sagan ha spiegato: “Ho sostenuto che il numero di eventi singolarmente improbabili nella storia evolutiva dell’Uomo era così grande che niente come noi probabilmente si evolverà di nuovo in qualsiasi parte dell’universo. Ho suggerito che qualsiasi rappresentazione esplicita di un essere extraterrestre avanzato era destinata ad avere almeno un elemento di falsità al riguardo, e che la soluzione migliore sarebbe stata suggerire, piuttosto che mostrare esplicitamente, gli extraterrestri “.

… e la Nasa

Anche se la storia è di fantascienza, Kubrick assume come consulenti il designer Harry Lange, che in precedenza aveva lavorato alla NASA come capo della sua sezione progetti futuri, e Frederick Ordway, l’ex capo dei sistemi informativi spaziali della NASA, sviluppare il razzo Saturn V.

Ordway ha dichiarato: “Kubrick voleva assicurarsi che ogni ripresa con effetti speciali fosse completamente convincente, producendo un realismo mai raggiunto prima nel cinema”.

Fun Fact!

La scena in cui Bowman disattiva HAL, che canta Daisy Bell, è stata ispirata da una visita che Clarke fece ai Bell Labs. Clarke negli anni ’60 assiste a una dimostrazione di un computer IBM 704 che cantava la stessa canzone. Questo ha dato credito all’idea che HAL è un riferimento astuto a IBM, dal momento che ogni lettera nel nome del computer malvagio è una lettera alfabetica di distanza dalle lettere nel nome della società di computer.

Clarke rimase risoluto sul fatto che HAL, il cui personaggio era originariamente un personaggio femminile di nome Athena, stava per Heuristically programmed ALgorithmic computer (in italiano, computer algoritmico programmato euristicamente), e qualsiasi connessione con IBM era pura coincidenza.

Il finale 

Dopo che Dave e il suo equipaggio si sono diretti dalla luna a Giove per indagare su alcuni misteriosi monoliti, HAL (il sistema informatico) prende il controllo della nave. HAL uccide tutti a bordo tranne Dave, che riesce a sopravvivere. Su Giove e incontra una specie di esseri altamente avanzati che cercano di dargli le comodità della bella vita. Dave, sbalordito dalla loro esistenza, si vede invecchiare in pochi istanti, segue una scia di colori, muore e rinasce come un bambino di stelle. Quel bambino si lancia verso la terra, e poi il film finisce.

Dalle parole del regista stesso

In un’intervista del 1968 con Playboy, Kubrick ha dichiarato:

“Sei libero di speculare come desideri sul significato filosofico e allegorico del film – e tale speculazione è un’indicazione che è riuscita ad attirare il pubblico a un livello profondo – ma non voglio precisare un verbale road map per il 2001 che ogni spettatore si sentirà obbligato a perseguire, altrimenti teme di aver perso il punto “.

Playboy interview - Stanley Kubrick

“Quando finiscono con lui, come accade in tanti miti di tutte le culture del mondo, viene trasformato in una sorta di super essere e rimandato sulla Terra, trasformato in una sorta di superuomo”, conclude Kubrick, alludendo al bambino delle stelle.

Forse Kubrick desidera che ognuno di noi abbia una risposta personale per ciò che il film ha significato per noi, singolarmente.

saeturnus

Saeturnus

Read, eat, travel, movies, sleep, repeat.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: