Uscito nei cinema il 2 giugno 2021, The Conjouring 3 – Per ordine del diavolo è il terzo capitolo della ormai celebra saga che vede come protagonisti i coniugi WarrenIniziata nel 2013, è basata sui casi dei demonologi Ed (Patrick Wilson) e Lorrain (Vera Farmiga) Warren. Diretto da Michael Chaves (La Llorona – Le lacrime del male), si avvale della sceneggiatura di David Leslie Johnson-McGoldrick. È targato New Line Cinema e distribuito da Warner Bros.

The Conjouring 3

Il caso che andremo a vedere sarà quello che ha fatto più scalpore nella storia giuridica americana. Sto parlando del processo ad Arne Johnson, del 1981, che in The Conjouring 3 viene completamente rivisto, per rendere centrale la spettacolare performance di Vera Farmiga. Il tutto è condito dagli immancabili jumpscare, per nulla fastidiosi, e da innumerevoli cambi di registro che permettono di scoprire terreni inesplorati in questa saga. 

The Conjouring 3

Il film è ambientato in una cittadina del Connecticut e vede i coniugi Warren intenti a lottare contro un demone che si è impossessato di un bambino, David Glatzel (Julian Hilliard). Nella furia scatenata durante l’esorcismo Arne Cheyenne Johnson (Ruairi O’Connor) fa quello che non si dorrebbe mai fare, seppur coraggiosamente: invita il demone a impadronirsi di lui pur di aiutare il piccolo David. Così il ragazzo spalanca l’ingresso per l’inferno, dando il via al suo personale calvario.

In cosa differisce questo film rispetto agli altri? Non solo i Warren dovranno liberare l’anima di Arnie dalla possessione, ma anche cercare di giustificare legalmente l’omicidio di cui si è macchiato. Questo sarà il vero fulcro del film, affiancato a una modalità narrativa predominante, uscendo da quella comfort zone che sino a ora si era cercata. Il male non solo è accettato, ma solo la testimonianza dei due demonologi potrà decidere le sorti del ragazzo. La magia come elemento chiave stimola lo spettatore, in un conflitto fra forze ancestrali e umani con le armi giuste per contrastare l’operato dei coniugi. Il personaggio della strega, satanista, crea un messaggio importante: il male, a volte, non lo si incontra per caso, ma lo si può evocare e bramare per scatenare il caos, uccidere e infine per il potere. 

Il film risulta godibile, con quella nota investigativa che lo contraddistingue, accompagnata da un velo di normalità e incredulità. Queste fanno da sfondo alle musiche composte da Joseph Bishara, già noto per Insidious, grazie alle quali si va a convogliare lo spettatore verso i vari pericoli che i due andranno ad affrontare. In questo terzo capitolo, abbiamo una maggiore finzione, il cui intento è quello di intrattenere, quasi quanto le voci del diavolo che Arnie sente. 

Se volete passare una serata tranquilla, questo è sicuramente il film che fa per voi amanti dell’horror e non. Non dovete aver visto i capitoli precedenti, in quanto scollegato completamente.  

E voi avete già avuto l’occasione di andare al cinema a vedere The Conjouring 3 – Per ordine del diavolo? Cosa ne pensate? Per ora è tutto, un saluto, Shadow! 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: