La seconda parte di Fear Street è arrivata, per farci paura più che mai!
Sempre film originale Netflix, diretto da Leigh Janiak.

Fear Street parte 2: 1978

Il film riprende dalla fine del primo capitolo ambientato nel 1994, in cui Deena (Kiana Madeira) e il fratello Josh (Benjamin Flores Jr.) – convinti di aver sconfitto la strega Sarah Fier (Elizabeth Scopel) – si rendono tristemente conto che la loro battaglia non è ancora finita. Sam, è ancora posseduta dallo spirito della strega, perciò si recano tutti e tre a casa di Cindy Berman (Gillian Jacobs): una giovane donna che nel 1978 è sopravvissuta a un massacro avvenuto al campo estivo Nightwing. Deena e Josh, disperati, chiedono a Cindy spiegazioni per capire come liberare Sam dalla maledizione. Un flashback ci porta così a scoprire la storia di Cindy (Emily Rudd), la sorella minore Ziggy (Sadie Sink, Stranger Things) e i loro amici, e la loro battaglia contro la strega nell’estate del 1978.

Ma cosa è successo nel campeggio Nightwing?

Uno dei ragazzi è impazzito e ha deciso di massacrare decine di suoi coetanei (un killer incappucciato e armato di ascia che abbiamo già avuto il piacere di incontrare).

Le due sorelle, Ziggy (Sadie Sink) e Cindy Berman (Emily Rudd), non vanno molto d’accordo e sono l’una l’opposto dell’altra. La prima odia le regole e le imposizioni, l’altra sogna una vita lontana da Shadyside e fa di tutto per raggiungere il suo obiettivo. Entrambe si trovano per l’estate al campeggio Nightwing: Cindy, insieme al suo ragazzo Tommy (McCabe Slye) è una delle capogruppo, Ziggy, invece, fatica ad integrarsi e a farsi degli amici. L’unico che sembra averla presa in simpatia è Nick Goode (Ted Sutherland), personaggio che abbiamo già incontrato – da adulto – nel primo film, si tratta infatti del capo della polizia (Ashley Zukerman). Le cose prendono all’improvviso una piega davvero inquietante: l’infermiera Mary (madre di quella Ruby Lane che abbiamo già conosciuto, armata di rasoio e assetata di sangue) aggredisce Tommy dopo avergli rivelato che avrebbe fatto la stessa fine della figlia. E le cose vanno proprio così: quella notte stessa, infatti, la maledizione della strega sembra colpire proprio il ragazzo, che decide di sfogare sui malcapitati campeggiatori la sua furia omicida.

Commento

Il ritmo di Fear Street parte 2: 1978 è molto più serrato e coinvolgente rispetto al primo. Il mistero è sempre più complesso, molto di più di quanto poteva sembrare nella prima parte. Così, il filone del giallo acquista punti e il lettore deve sbrogliare questo mistero.
Ma ancora, non è il momento di svelarlo.

Poison El

[Proofreader e Editor. Digital Content Creator. Blogger. Artist. Traveller. Aspirant Writer.]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: