Il primo di novembre è stato rilasciato l’ultimo DLC di ESO ambientato nelle Deadlands.
Con quest’ultimo capitolo si conclude l’evento che visto come protagonista il Principe Daedrico Merhunes Dagon.
Ad inizio anno abbiamo trattato l’arrivo di questa esperienza in un articolo e bisogna dire che il pubblico ha gradito molto questo contenuto.

Blackwood e Dungeon DLC
Nel corso dell’anno hanno rilasciato le due mappe di espansione con quattro Dungeon DLC con la classica formula che spezza in due l’evento. Ovvero due Dungeon DLC e una mappa di gioco (anticipati da una quest prologo).
Come ho già detto prima, al momento l’evento di ESO è stato molto apprezzato, Blackwood con il sistema di compagni è stata una ventata di innovazione e i due dungeon introdotti in Flames of Ambition risultano essere tra i più graditi, sia per boss fight particolari e sia per set molto utili. Per quanto riguarda i due dungeon introdotti con Waking Flame, non hanno avuto la stessa popolarità dei precedenti, ma rimangono comunque delle ottime sfide per i giocatori.

Le Deadlands
Il nuovo DLC di ESO introdotto riguarderà le Deadlands e la città di Fargrave.
Questo è il terzo DLC che introduce una zona al di fuori di Tamriel e della sua “dimensione fisica”.
Infatti come Clockwork City e Arteum (Summerset) le Deadlands sono raggiungibili solo tramite portali.
Tuttavia la novità è ben un’altra!
La funzione della Armory Station.
Con l’arrivo della nuova patch i giocatori riceveranno gratuitamente questo oggetto che perterrà loro di gestire meglio il loro inventario.
Infatti non erano rari i casi in cui i giocatori spendevano molto tempo per gestire i propri set.
La causa era dovuta alla diversità di alcuni dungeon o boss che richiedevano strategie diverse.
Con questa meccanica non sarà possibile pre-impostare gratuitamente due set per personaggio (slot aggiuntivi saranno a pagamento).

Chiuso un Cancello…si apre una teoria!
Con questo ultimo DLC si conclude ufficialmente la stagione dedicata all’Oblivion e a Merhunes Dagon.
Ma cosa ci riserverà il futuro?
Per il momento abbiamo visto una guerra daedrica che ha coinvolto Morrowind, Orsinium e Summerset.
Un ritorno dei draghi ad Elsweyr e una congiura di vampiri a Skyrim.
Quali saranno le nuove tematiche?
Recentemente Bethesda e Zenimax hanno avuto un leggero attrito sulla possibilità di utilizzare tematiche legate al mondo dei dwemer.
Forse è probabile che entrambe le casi di sviluppo stiano puntando a quello per i prossimi capitoli di uscita.
Lo scopriremo solo l’anno prossimo, quindi basterà pazientare solo un paio di mesi.
Una cosa però potrei ipotizzarla: guardando l’attuale mappa di Tamriel di ESO noto un grosso buco ad Hammerfell.
Chissà, magari le sabbie del deserto Alik’r stanno nascondendo qualcosa.

-Belharza

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: