Battle royale è un romanzo dello scrittore giapponese Koushun Takami, pubblicato in patria nel 1999 e arrivato in Italia nel 2009, che è stato d’ispirazione per molti titoli e prodotti dello stesso tipo venuti successivamente.

Battle Royale

La trama

Battle royale è un romanzo distopico che parte dal presupposto che il Giappone sia una dittatura.
Ogni anno, alcune classi di terza media vengono scelte per partecipare a un gioco mortale: il battle royale appunto, in cui gli studenti devono uccidersi a vicenda finché non sopravvive uno solo di loro.
Il protagonista della storia è Shuya, che si ritrova a dover vivere una simile, terribile esperienza.
Nonostante ciò, il testo è comunque abbastanza corale, dal momento che ci mostra il punto di vista di molti studenti, non solo il suo.

Battle royale

Il libro ci catapulta quasi subito nell’orrore di una situazione che chiunque considererebbe assurda.
L’idea è stata ripresa da altri titoli e prodotti venuti dopo Battle Royale, come per esempio Hunger games ma anche la più recente serie tv Squid game, un’opera sicuramente interessante ma non molto originale.
Battle royale è una sorta di manifesto contro le dittature, un inno alla libertà. Si tratta di un testo sicuramente scioccante, scritto con uno stile semplice, immediato, adatto ai protagonisti presentati che comunque sono molto giovani.
L’unica pecca, a mio parere, è il fatto che alcuni personaggi sono molto stereotipati. A parte ciò, si tratta di una lettura davvero avvincente, interessante e disturbante, che tiene alta la tensione e la curiosità di sapere chi sarà colui o colei che vincerà il gioco, e che fa assolutamente riflettere su temi quali la fiducia, la libertà e la morale.

– Viky

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: