Questa sembra essere un’odissea trascinata per anni, ma finalmente Overwatch 2 vedrà presto la luce.
Facciamo un punto della situazione e scopriamo i dettagli.

Un sequel?
Da anni la community di Overwatch ha chiesto che nel gioco fosso implementata parte non PvP.
I personaggi sono tanto accattivanti che sembrava uno spreco limitarli solo uno sparatutto ad arena.
Per questo motivo si era ipotizzato di realizzare Overwatch 2, ma le cose non sono andate come previste.
Il gioco all’inizio doveva essere qualcosa di diverso dal primo. Tuttavia nel corso dello sviluppo, i cambiamenti sono stati tali da costringere una decisione drastica: Overwatch 2 sostituirà il capitolo precedente.
Un po’ come accadde con il gioco Team Fortress 2 questo gioco sarà una versione potenziata del precedente.

Giocatori di vecchia data, non mettetevi le mani tra i capelli!
La Blizzard ha già rassicurato che tutti i dati (e skin) del precedente Overwatch passeranno al 2, così da non perdere gli account di gioco.
A differenza di quanto dichiarato in precedenza Overwatch 2 non sarà a pagamento bensì free-to-play. Così da poter essere fruibile da chiunque.

 

Nuovo gioco, nuovi campioni
Oltre ad alcune modifiche ai campioni già esistenti la Blizzard ha mostrato due nuovi personaggi per Overwatch 2, Sojourn e la Regina di Junker Town.
Quest’ultimo è un personaggio ben noto tra gli estimatori della lore di Overwatch e tanto atteso. La Blizzard ha decisamente giocato una carta importante.


Junker Queen Gameplay Trailer | Overwatch 2 – YouTube

 

Riavvio
Con la chiusura della beta a maggio e il lancio ad ottobre la Blizzard vuole dare un vero colpo di spugna a quello che è successo in precedenza. Con Overwatch 2 si potrà tornare a parlare di videogiochi e non di scandali, o almeno queste solo le intenzioni.
Perché la posta in gioco è alta!
La sfida è di rilanciare una saga che molti ritengono morta e tornare ai fasti di un tempo, quando Overwatch aveva le carte per essere definito “IL videogioco”.

Non si tratta solo di riconquistare un pubblico, ma di rimettersi su un mercato molto rischioso dove altri videogiochi di quel tipo hanno spento i server.
Ironia della sorte la minaccia più grossa attualmente viene proprio da Paladins, che un tempo era canzonato come “l’Overwatch dei poveri“.
Questo videogioco nonostante gli alti e i bassi ha sempre mantenuto una costanza nel rilasciare campioni, aggiornamenti ed eventi e il suo asso nella manica è stato proprio il free-to-play, meccanica che farà propria anche Overwatch 2.

Quindi non resta che aspettare ottobre per essere testimoni ad un grande evento.
Il “gigante” si rialzerà o cadrà di nuovo?

 

-Belharza

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: